Caldo senza precedenti, l’Italia si arroventa per il “Gobbo di Algeri”: L’Aquila e Ancona già a un passo dal record storico [DATI LIVE]

/
MeteoWeb

L’Italia si sta arroventando per l’ondata di calore che oggi inizia a fare sul serio, dopo le temperature miti già raggiunte nei giorni scorsi (non dimentichiamo infatti i +21°C di ieri in Sardegna e i +19°C di martedì ad Aosta). Ma adesso entriamo nel vivo di quest’eccezionale ondata di caldo provocata dal “Gobbo di Algeri” in risalita sul Mediterraneo. Il picco massimo sarà domani, Venerdì 24 Febbraio, con punte di +30°C all’estremo Sud e soprattutto nella Sicilia tirrenica. Ma già oggi molte località stanno toccando temperature eccezionalmente elevate per il mese di Febbraio.

Su tutte, spicca Ancona: dopo una temperatura minima di appena +3°C nella notte, è ferma da oltre due ore su un valore eccezionalmente tiepido di ben +18°C. Una temperatura non molto lontana dal record storico di caldo mensile, che è di +20,6°C e risale al Febbraio 1990. Attenzione, quindi, al pomeriggio (e anche a domani): questo record potrebbe cadere.

Notevolissimi anche i +17°C misurati a L’Aquila: anche il capoluogo abruzzese aveva registrato una temperatura minima notturna di appena +3°C. Purtroppo non abbiamo dati ufficiali sul record storico di Febbraio, ma quello attuale rimane un dato pazzesco, che crescerà ancora nel primo pomeriggio.

Tra le temperature tardo primaverili di queste ore, spiccano i +19°C di Jesi, i +18°C di Foggia e Senigallia, i +17°C di Chieti, Mondragone e Guidonia, i +16°C di Sulmona e i +15°C di Campobasso. Tutte temperature eccezionali per il mese di Febbraio. Ed è solo l’inizio…