Castello del Catajo: la reggia dei Colli Euganei [GALLERY]

/
MeteoWeb

Considerato la reggia dei Colli Euganei, il castello del Catajo è un monumentale edificio di ben 350 stanze, simbolo di potere degli Obizzi, una famiglia di capitani di ventura, giunti dalla Borgogna nel 1007, divenuti sempre più ricchi attraverso servigi bellici e astuti matrimoni, fino a costruire, a partire dal 1570, questa dimora fortificata con affreschi di Giambattista Zelotti, allievo del Veronese. Il castello, situato lungo la strada che collega Padova a Monselice, è stato ampliato nell’800 pr ospitare la corte degli Este, Arciduchi di Modena, divenendo poi dimora di Maria Beatrice di Savoia. Lasciato in ereditù a Francesco d’Asburgo, erede al trono austriaco, venne eletto a residenza imperiale di caccia. Requisito dallo Stato italiano nel 1918 come risarcimento per danni di guerra, venne rivenduto alla famiglia Dalla Francesca nel 1928. A colpire il visitatore cinte murarie, torrette angolari, un labirintico percorso tra corticoli, logge, scale per cavalli, corridoi scavati nella roccia. E che dire del Cortile dei Giganti, un tempo riempito d’acqua per rappresentare neumachie e dell’esotica Fontana dell’Elefante? Non mancano le leggende. In esso è collocata una pietra macchiata del sangue di Lucrezia degli Obizzi, barbaramente assassinata la notte del 14 novembre 1964 da uno spasimante respinto. Lo spirito della sfortunata vagherebbe ancora nel castello, tanto che in molti sostengono di aver scorto una figura vestita di azzurro affacciarsi alle finestre più alte del Catajo.