Ciclone Fani, impatto devastante in India: distruzione a causa dei venti e onde altissime [FOTO e VIDEO]

Case danneggiate, edifici distrutti, migliaia di alberi e pali della luce abbattuti, onde altissime nel Golfo del Bengala: il ciclone Fani sta scatenando la sua furia sull'India, le immagini

/
MeteoWeb

Le autorità in India hanno ordinato una grande evacuazione in preparazione del landfall del devastante ciclone Fani, avvenuto tra le 8 e le 10 (ora locale) di oggi. Il ciclone ha attraversato la costa di Orissa, nei pressi di Puri, che risulta la città più colpita. Al momento del landfall, Fani è stato classificato come una tempesta ciclonica estremamente forte con venti di 180-190km/h e raffiche di 240km/h, equivalenti a quelle di un uragano di categoria 4.

Case danneggiate, edifici distrutti, migliaia di alberi e pali della luce abbattuti a causa dei venti scatenati da Fani, come potete vedere nei video in fondo all’articolo, il cui occhio ha un diametro di quasi 25km. Fani è il ciclone più forte dell’Oceano Indiano a colpire così presto in un anno dal ciclone Nargis del 2008.

Oltre un milione di persone sono state evacuate prima dell’arrivo di Fani sulla costa orientale dell’India. Un’autorità governativa ha dichiarato che si tratta dell’evacuazione più grande nella storia dello stato. Quasi 100.000 degli evacuati sono della città di Puri, che potrebbe subire i danni peggiori da Fani. Le autorità sono preoccupate per il tempio di Jagannath della città, costruito 858 anni fa. Sono stati aperti oltre 850 rifugi nello stato e scuole e università sono state chiuse in anticipo. Prima dell’arrivo di Fani, le operazioni al Paradip Port di Orissa sono state sospese, l’Aeroporto di Calcutta rimarrà chiuso fino alle 8 (ora locale) di domani e oltre 100 corse di treni sono state cancellate.

Oltre 100 milioni di persone rimangono sulla traiettoria di questo ciclone che si è già rivelato letale, provocando la morte di 3 persone. Fani ha perso un po’ di intensità nei venti prima del landfall ma dovrebbe restare un ciclone molto pericoloso mentre continua il suo percorso nell’entroterra dell’india orientale e nel Bangladesh fino a domani. I residenti dal nord dell’Andhra Pradesh ad Orissa, Jharkhand, Bengala occidentale e Bihar sono a rischio di notevoli effetti da parte di Fani. Le aree lungo la costa fino al confine con il Bangladesh avranno a che fare con mari molto mossi e pericolosi e diversi livelli di inondazioni costiere. Le località vicino e ad est del luogo del landfall potranno ricevere raffiche di 210km/h, in grado di provocare diffusi danni a tutte le strutture. Queste aree saranno anche a rischio di isolati tornado.

Mentre Fani si dirigerà verso l’entroterra tra stanotte e domani, si indebolirà, riducendo il rischio di venti distruttive su Jharkhand, Bihar e Bengala occidentale. Tuttavia, saranno ancora possibili localmente venti di forte intensità e alluvioni. Quando il ciclone inizierà ad indebolirsi prima di raggiungere Calcutta, saranno possibili acquazzoni e venti distruttivi. Da sabato notte a domenica, Fani si indebolirà in tempesta tropicale mentre si dirigerà verso il Bangladesh. In quel momento, saranno ancora possibili inondazioni potenzialmente letali, insieme ad un elevato rischio di frane. Possibili quantitativi di pioggia di 150-300mm dall’estremo nord-est dell’Andhra Pradesh e da Orissa a parti del Bengala occidentale, del nord del Bangladesh e dell’India nordorientale fino a domenica 5 maggio.