Cina: ancora esplosioni nei depositi chimici di Tianjin [FOTO]

  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
/
MeteoWeb

La città cinese di Tianjin è stata sconvolta da una esplosione seguita da incendio

Ancora una volta la città cinese di Tianjin è stata sconvolta da una esplosione seguita da incendio in un magazzino di prodotti chimici: è la seconda volta in due mesi dopo la grave detonazione (il 12 agosto) in un magazzino di prodotti simili che provocò la morte di oltre 170 persone. Stavolta l’esplosione è avvenuta nella tarda serata di ieri, quando in Italia era ancora pomeriggio, in un magazzino del distretto di Beichen. Secondo l’agenzia ufficiale Xinhua, non ci sono state vittime e l’incendio è stato domato in cinque ore. La polizia ha confermato che il magazzino, in cui erano custoditi alcool e altro materiale chimico, non aveva licenza e sono state arrestate due persone.