Clima, il segretario di Stato USA: a Parigi “dobbiamo trovarci tutti sulla stessa lunghezza d’onda” [FOTO]

  • Piero Cruciatti / LaPresse
    Piero Cruciatti / LaPresse
  • Piero Cruciatti / LaPresse
    Piero Cruciatti / LaPresse
  • Piero Cruciatti / LaPresse
    Piero Cruciatti / LaPresse
  • Piero Cruciatti / LaPresse
    Piero Cruciatti / LaPresse
  • Piero Cruciatti / LaPresse
    Piero Cruciatti / LaPresse
  • Piero Cruciatti / LaPresse
    Piero Cruciatti / LaPresse
  • Piero Cruciatti / LaPresse
    Piero Cruciatti / LaPresse
  • Piero Cruciatti / LaPresse
    Piero Cruciatti / LaPresse
  • Piero Cruciatti / LaPresse
    Piero Cruciatti / LaPresse
  • Piero Cruciatti / LaPresse
    Piero Cruciatti / LaPresse
/
MeteoWeb

Il segretario di Stato sottolinea la necessità degli investimenti per nuove politiche energetiche

Nella conferenza sul clima che si terrà a Parigi a dicembre bisognerà trovare un accordo: “Dobbiamo trovarci tutti sulla stessa lunghezza d’onda” riguardo un accordo che possa garantire “un futuro globale pulito dal punto di vista energetico”. Ad affermarlo perentoriamente è il segretario di Stato Usa, John Kerry, in visita a Expo, parlando della conferenza Cop21. “Non ci sono opzioni le sfide che abbiamo di fronte sono significative”. Il segretario di Stato sottolinea la necessità degli investimenti per nuove politiche energetiche e tecnologie “che possano resistere ai cambiamenti climatici”. L’invito è ad “esplorare” strade nuove per studiare lo stretto nesso “tra cambiamenti climatici e sicurezza energetica”. Kerry dice che “per poter far fronte alle sfide” su cibo e ambiente “dobbiamo essere elastici e creativi: come Leonardo da Vinci dobbiamo scrivere con una mano e disegnare con l’altra”.