Com’è morto Andrea Camilleri: addio al grande scrittore, i funerali saranno riservati

Morto Andrea Camilleri: "Le condizioni sempre critiche si sono aggravate nelle ultime ore compromettendo le funzioni vitali"

  • Andrea Camilleri
    Andrea Panegrossi/LaPresse
  • Andrea Panegrossi/LaPresse
  • LaPresse/Stefano Colarieti
  • LaPresse/Stefano Colarieti
  • ROBERTO MONALDO/LaPresse
  • ROBERTO MONALDO/LaPresse
  • MARCO MERLINI/LaPresse
  • Cosima Scavolini/LaPresse
  • Cosima Scavolini/LaPresse
  • Cosima Scavolini/LaPresse
  • MAURO SCROBOGNA/LaPresse
  • LaPresse Torino/Vincenzo Coraggi
  • ROBERTO MONALDO/LaPresse
  • CRISTIANO LARUFFA/LaPresse
  • CRISTIANO LARUFFA/LaPresse
  • CRISTIANO LARUFFA/LaPresse
  • CRISTIANO LARUFFA/LaPresse
  • CRISTIANO LARUFFA/LaPresse
  • Cosima Scavolini/LaPresse
  • Cosima Scavolini/LaPresse
  • Cosima Scavolini/LaPresse
  • ROBERTO MONALDO/LaPresse
  • LaPresse/Andrea Panegrossi
  • LaPresse/Andrea Panegrossi
  • LaPresse/Stefano Colarieti
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
  • Virginia Farneti/LaPresse
  • Cosima Scavolini/LaPresse
  • Cosima Scavolini/LaPresse
  • Andrea Panegrossi/LaPresse
  • Andrea Panegrossi/LaPresse
  • Andrea Panegrossi/LaPresse
  • Andrea Panegrossi/LaPresse
/
MeteoWeb

E’ morto oggi, a 93 anni, lo scrittore Andrea Camilleri: lo ha reso noto la Asl Roma 1 “con profondo cordoglio“, precisando che il padre del Commissario Montalbano si è spento alle 08:20 di questa mattina presso l’Ospedale Santo Spirito. “Le condizioni sempre critiche di questi giorni si sono aggravate nelle ultime ore compromettendo le funzioni vitali. Per volontà del Maestro e della famiglia le esequie saranno riservate. Verrà reso noto dove portare un ultimo omaggio“, si legge nella nota.

Camilleri era stato ricoverato il 17 giugno, un mese fa, all’ospedale Santo Spirito per arresto cardio-respiratorio. Nei vari bollettini medici si spiegava che il paziente si trovava “presso il centro di Rianimazione con supporto respiratorio meccanico e farmacologico al circolo” con “sedazione farmacologica di protezione“.
Sin dal primo bollettino medico le condizioni erano state definite “critiche“.
L’ospedale ha fornito i bollettini medici fino al 21 giugno poi ha reso noto che l’aggiornamento successivo sarebbe stato diramato “solo in caso di variazioni significative“. Oggi l’ultimo, con la notizia della morte.