Costa Rica e Nicaragua si preparano all’arrivo dell’uragano Otto [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

Costa Rica e Nicaragua in allerta per l’arrivo dell’uragano Otto, previsto per le prossime ore: sono già state evacuate migliaia di persone dalle zone che dovrebbero essere più colpite. L’uragano e i suoi venti a 138 km/h (con raffiche fino a 168 km/h) causeranno “probabilmente inondazioni e frane“, ha avvertito il National Hurricane Center statunitense, che nel suo ultimo bollettino ha precisato che l’uragano si trova 220 chilometri al largo del porto di Limon, in Costa Rica.

La città di Bluefields, nel Sud-Est del Nicaragua sarà probabilmente la prima località colpita.

Otto ha già causato quattro morti nel suo passaggio a Panama, e ad El Salvador la protezione civile ha diramato lo stato di allerta preventivo.