Crolla palazzina a Roma: mamma e figlia sotto le macerie, sono state individuate [GALLERY]

  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
  • LaPresse/Jurek Kralkowski
    LaPresse/Jurek Kralkowski
/
MeteoWeb

Non cessano i lavori dei vigili del fuoco per estrarre la mamma e la figlia di nove anni rimaste intrappolate nell’esplosione, e nel conseguente crollo di una palazzina a Roma, dovuta con alte probabilità a una fuga di gas, verificatasi nel primo pomeriggio in via Giacomo della Marca, in zona Acilia-Dragoncello. I soccorritori, che lavorano ininterrottamente da ore, hanno estratto vivi due anziani, ricoverati all’ospedale Grassi di Ostia. L’allarme è scattato poco dopo la forte esplosione avvenuta alle 14, che ha danneggiato anche una seconda palazzina adiacente a quella nella quale è avvenuta la fuga di gas. Immediato l’arrivo sul posto di vigili del fuoco, polizia municipale del X gruppo, polizia e carabinieri. Sulla zona della palazzina a due piani, praticamente distrutta, sono arrivate poi anche tre ambulanze, un’automedica e un’eliambulanza. La situazione è apparsa subito drammatica con almeno 4 persone sepolte dalle macerie. I soccorritori sono riusciti a estrarre vivi prima un uomo, trasportato all’ospedale Grassi con codice giallo, con ferite lacerocontuse e traumi su tutto il corpo, e poi una donna anziana, in codice rosso. La palazzina si trova in una zona dove si erano già registrati cedimenti del terreno non lontano dalla scuola Giovanni Paolo II, evacuata in via precauzionale, e da via Camillo da Albino, chiusa anche questa per crepe nell’asfalto.

Sul posto è arrivata anche la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che si è recata immediatamente ad Acilia, dove ha incontrato il marito e il figlio della donna intrappolata nelle macerie con la figlia più piccola. I due uomini al momento dell’esplosione non erano in casa. “L’esplosione sembra causata da una fuga di gas – ha confermato la prima cittadina -, la magistratura effettuerà le indagini. I vigili del fuoco stanno continuando a lavorare, le operazioni dureranno ancora a lungo, noi restiamo in contatto con le forze dell’ordine e vi aggiorneremo appena ci saranno novità“. Sulla vicenda indagano i carabinieri della stazione di Acilia e della compagnia di Ostia.

Il pm Mario Palazzi, titolare degli accertamenti sul crollo, ha disposto una consulenza tecnica per far luce sulle cause dell’esplosione. Domani il magistrato, che nel pomeriggio di oggi ha effettuato un sopralluogo nella zona del crollo, affidera’ l’incarico a due ingegneri. Al momento, infatti, non e’ possibile stabilire con certezza le cause dello scoppio, in particolare se sia avvenuto per una fuga di gas metano o di gpl.

E intanto continuano senza sosta, con l’ausilio del gruppo cinofilo e delle cellule fotoelettriche, le ricerche della donna e della figlia di 9 anni rimaste intrappolate sotto le macerie. I vigili del fuoco, con l’ausilio della protezione civile, stanno rimuovendo ancora le macerie, soprattutto nell’area dove si suppone possano essere mamma e figlia. Le operazioni andranno avanti e non e’ escluso possano proseguire per l’intera notte. Intanto tre persone straniere, probabilmente la famiglia cingalese che abita nella palazzina crollata, sono state sistemate dalla Polizia di Roma Capitale insieme alla Protezione civile nel residence Parco Salario, dopo aver ricevuto richiesta di assistenza alloggiativa. Sul posto, oltre a vigili del fuoco, forze dell’ordine e protezione civile ci sono anche i vigili urbani, guidati dal vicecomandante del Corpo, Antonio Di Maggio, e dal comandante ad interim del X Gruppo Mare, Massimo Fanelli. Solo da poco è stato intercettato il punto in cui si troverebbero madre e figlia. I pompieri stanno scavando ormai da ore tra le macerie dell’edificio.