Egitto, le meraviglie naturali che affascinano i turisti [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

La principale attrazione è il Deserto bianco: il colore bianco crema è legato a formazioni rocciose di gesso che sono state generate da tempeste di sabbia

Farafra, è la più piccola oasi del Deserto occidentale in Egitto. Si trova nel bel mezzo del deserto, a circa metà strada tra le oasi di Dakhla e Bahariya. La principale attrazione è il Deserto bianco: il colore bianco crema è legato a formazioni rocciose di gesso che sono state generate da tempeste di sabbia, le rocce di calcare hanno forme affascinati e misteriose. A nord si trova invece il Deserto Nero così chiamato in quanto il colore nero sovrasta questa zona desertica grazie a ferro, manganese, basalto e quarzite, materiali che denotano un’antica attività vulcanica nell’area. Il Deserto Nero offre sorgenti di acque termali calde nella famosa Valle di Haize.