Emergenza incendi a Genova: ancora focolai a Nervi, situazione critica a Pegli [GALLERY]

  • Iacopo Giannini/LaPresse
    Iacopo Giannini/LaPresse
  • Iacopo Giannini/LaPresse
    Iacopo Giannini/LaPresse
  • Iacopo Giannini/LaPresse
    Iacopo Giannini/LaPresse
  • Iacopo Giannini/LaPresse
    Iacopo Giannini/LaPresse
  • Iacopo Giannini/LaPresse
    Iacopo Giannini/LaPresse
  • Iacopo Giannini/LaPresse
    Iacopo Giannini/LaPresse
  • Iacopo Giannini/LaPresse
    Iacopo Giannini/LaPresse
  • Iacopo Giannini/LaPresse
    Iacopo Giannini/LaPresse
  • Iacopo Giannini/LaPresse
    Iacopo Giannini/LaPresse
  • Iacopo Giannini/LaPresse
    Iacopo Giannini/LaPresse
/
MeteoWeb

Tre focolai ancora attivi sulle alture del levante di Genova, tra Sant’Ilario, Nervi, e il monte Fasce, mentre l’incendio è sotto controllo e monitorato costantemente. Resta critica invece la situazione invece a ponente, sulle alture di Pegli, dove le colline tra Pegli e la Val Varenna continuano a bruciare. L’ipotesi al momento è quella di un possibile rogo doloso, ma sulle cause sono ancora in corso accertamenti da parte dei carabinieri forestali. Intanto ancora in corso le operazioni di spegnimento, dal Coc – centro operativo comunale – specificano che in tutto sono attivi 50 volontari anti-incendio boschivo nel levante e 50 nel ponente per le operazioni di spegnimento delle fiamme, per coadiuvare le squadre dei vigili del fuoco al lavoro. Il Comune di Genova inoltre raccomanda lo sgombero delle strade dai veicoli per non ostacolare il lavoro dei mezzi antincendio. Sulle autostrade liguri rimangono grossi rallentamenti per le auto che arrivano da Savona, sulla A10, in direzione Genova. Segnalati ancora 7 chilometri di coda tra i caselli di Arenzano e Pegli. L’autostrada è aperta ma il transito, su entrambe le carreggiate, è possibile solo su una corsia.