Freddo polare, emergenza neve al Sud: Appennino sommerso, un morto e traffico in tilt. Domani bufere anche a Napoli, Palermo, Bari, Catania, Messina e Taranto

  • Altamura
    Altamura
  • Altamura
    Altamura
  • Altamura
    Altamura
  • Altamura
    Altamura
  • Altamura
    Altamura
  • Altamura
    Altamura
  • Altamura
    Altamura
  • Altamura
    Altamura
  • Altamura
    Altamura
  • Altamura
    Altamura
  • Matera
    Matera
  • Matera
    Matera
  • Matera
    Matera
  • Matera
    Matera
  • Matera
    Matera
  • Matera
    Matera
  • Matera
    Matera
  • Matera
    Matera
  • Matera
    Matera
  • Matera
    Matera
  • Matera
    Matera
  • Matera
    Matera
  • Castel di Sangro
    Castel di Sangro
  • Castel di Sangro
    Castel di Sangro
  • Castel di Sangro
    Castel di Sangro
  • Castel di Sangro
    Castel di Sangro
  • Castel di Sangro
    Castel di Sangro
  • Campobasso
    Campobasso
  • Campobasso
    Campobasso
  • Campobasso
    Campobasso
  • Campobasso
    Campobasso
  • Campobasso
    Campobasso
  • Campobasso
    Campobasso
  • Campobasso
    Campobasso
  • Capracotta
    Capracotta
  • Capracotta
    Capracotta
  • Capracotta
    Capracotta
  • Capracotta
    Capracotta
  • Capracotta
    Capracotta
  • Capracotta
    Capracotta
  • Capracotta
    Capracotta
  • Capracotta
    Capracotta
  • Capracotta
    Capracotta
  • Capracotta
    Capracotta
  • Capracotta
    Capracotta
  • Capracotta
    Capracotta
  • Altopiano delle Cinque Miglia
    Altopiano delle Cinque Miglia
  • Campo di Giove - Roccaraso
    Campo di Giove - Roccaraso
/
MeteoWeb

Situazione critica per neve e gelo al Sud Italia. Ai 1.421 metri di altitudine di Capracotta, in Molise, la temperatura è piombata a -8,5°C in pieno giorno (ore 15:20). A Campitello Matese (1.420 metri di altitudine) abbiamo -8,1°C, in rapida diminuzione. In Campania spiccano i -8,7°C attuali del Monte Partenio (1.484 metri sul livello del mare), Notevoli anche i -2,5°C di Monte Sant’Angelo, a 805 metri di altitudine sul Gargano in Puglia, e i -2,2°C di Miglionico a 455 metri di altitudine in Basilicata vicino Matera.

L’Appennino è letteralmente sommerso dalla neve, con accumuli che superano il metro di altezza tra Abruzzo e Molise a quote collinari. Quasi mezzo metro a Castel di Sangro.

Purtroppo si registra la prima vittima di quest’ondata di maltempo: un uomo di 84 anni è morto a Lanciano, vicino Chieti, precisamente in via Panoramica dove l’uomo stava stava spazzando la neve per pulire l’ingresso del garage del suo palazzo per uscire con l’automobile: all’improvviso e’ scivolato e ha battuto la testa a terra. Inutili i soccorsi del personale del 118. Il medico legale dovà anche accertare se l’uomo sia stato eventualmente colpito da malore poco prima della caduta, magari per lo sforzo del lavoro, o se sia semplicemente scivolato sulla neve. In ogni caso è una vittima provocata da quest’ondata di maltempo.

Capracotta sommersa da un metro di neve, ed è solo l’inizio! [VIDEO]

Sant’Elena Sannita, oltre mezzo metro di neve sulle colline del molise! [VIDEO]

Castel di Sangro sommerso da mezzo metro di neve! [VIDEO]

Pesanti disagi anche alla circolazione stradale. La Prefettura di Isernia ha emesso l’ordinanza di divieto di transito, su tutte le strade della provincia per i mezzi superiori a 75 quintali, ma cio’ non ha evitato i disagi sulla Statale 650 Trignina con tir bloccati all’altezza di Bagnoli del Trigno molti in viaggio da ieri sera. La Polstrada e i Vigili del Fuoco sono a lavoro per riportare la situazione della viabilita’ alla normalita’ su quella statale che collega il Molise all’Abruzzo. Non si segnalano disagi sulla Statale 17, che collega Isernia a Campobasso, neppure al Valico di Castelpetroso. Auto in panne in Altomolise e nella stessa citta’ di Isernia dove la neve ha raggiunto quasi 50 centimetri. Disagi per il trasporto dializzati in ospedale che, al momento, e’ assicurato dai Vigili del Fuoco. La Polstrada raccomanda di mettersi in viaggio solo per reali necessita’.

Gran lavoro dei Vigili del Fuoco tra Campobasso e Termoli in nottata a causa del maltempo. Soccorsi diversi automobilisti in difficolta’ per leneve a Vinchiaturo, Campodipietra, Trivento, Ripalimosani e Matrice, in provincia di Campobasso. A Termoli sono state rilevate criticita’ per le fortissime raffiche di vento che hanno sradicato un albero poi caduto sulla sede stradale della Ss16 Adriatica nei pressi di Campomarino (Campobasso), causando problemi alla circolazione veicolare. Sempre per il forte vento la squadra del distaccamento di Termoli e’ intervenuta in Via Corsica per un palo pericolante.

La neve ha imbiancato copiosamente anche Matera, in Basilicata, regalando uno spettacolo suggestivo ma provocando anche pesanti disagi nell’hinterland. Difficolta’ per via delle nevicate si segnalano sulla viabilita’ che conduce alla Citta’ dei Sassi dalla strada statale 407 Basentana tanto che si sta valutando l’adozione di un provvedimento di sospensione del traffico superiore a 7,5 tonnellate per impraticabilita’ della statale 7 Appia tra Ferrandina Scalo e Matera”. E’ quanto fa sapere la Polizia stradale di Potenza. Risulta inoltre “difficoltoso raggiungere la provincia di Bari attraverso la direttrice di marcia della statale 96 Tolve – Gravina – Altamura dove peraltro nella parte iniziale da Potenza vige gia’ un divieto di transito per i mezzi pesanti“. Le pattuglie della Stradale stanno consigliando al traffico pesante diretto a Matera la direzione alternativa strada statale 658 e la 655 Bradanica. Considerando i riflessi sulla circolazione stradale che potranno verificarsi a causa delle precipitazioni nevose e del repentino abbassamento delle temperature, la Polizia Stradale consiglia “di mettersi in viaggio solo se necessario e solo dopo essersi informati sulle condizioni della viabilita’ e del meteo. Si invitano tutti i conducenti, inoltre, a partire solo dopo aver controllato l’efficienza del veicolo e l’idoneita’ dello stesso a circolare con temperature al di sotto dello 0 C”. In provincia di Potenza non si segnalano particolari criticita’ alla circolazione automobilistica.

Freddo, maltempo e neve anche a Napoli e in Campania. Scavi presi d’assalto dai turisti che hanno vissuto un sito archeologico incantato questa mattina tra un bel sole chiaro e piccoli fiocchi di neve che si sono posati sulle rovine antiche. Sullo sfondo il Vesuvio appena adombrato da qualche nuvola, quel poco che ha regalato la primaneve di questo inverno, subito sciolta dal sole. Nelle prossime ore, pero’, la neve potrebbe diventare piu’ copiosa, essendo attesa una breve perturbazione che dovrebbe imbiancare la cima del Vesuvio e rendere piu’ suggestivi i selfie tanto amati dai turisti di Pompei. Sorpreso dal meteo, il direttore generale della Soprintendenza, Massimo Osanna, ha salutato i restauratori e i giornalisti dicendo “porta bene”. I fiocchi di neve sono caduti anche sulla tangenziale, sui quartieri alti di Napoli e sui comuni vesuviani.

Nel Beneventano nevica anche a bassa quota. Disagi alla circolazione si sono registrati sulla strada statale 87 Sannitica che collega la Campania al Molise. Dopo la zona del Fortore, ricoperta di neve gia’ da ieri sera, da questa mattina nevica anche nell’Alto Sannio, in Valle Caudina e Valle Telesina, dove pero’, al momento, non si registrano problemi.

Come previsto, i primi fiocchi di neve sono arrivati la notte scorsa anche nell’alto Salento, in particolare sono state imbiancate Guagnano, Squinzano e Salice Salentino, in provincia di Lecce, imbiancando le strade e i vigneti del Negroamaro. La neve e’ caduta anche nel Tarantino e in provincia di Brindisi, ma senza creare particolari problemi. Il Comune di Lecce ha, intanto, diffuso la mappa dei dormitori a disposizione dei senza fissa dimora. In particolare ci sono 25 posti letto a Masseria Ghermi gestiti dalla Croce Rossa Italiana che con il proprio pulmino fara’ tappa, alle 20, alla stazione ferroviaria di Lecce, per accompagnare al dormitorio le persone che necessitano di aiuto. Altri 30 posti letto sono disponibili nella Casa della carita’ gestita dalla Caritas diocesana, e ulteriori 15 letti nella Casa San Vincenzo de’ Paoli. Secondo gli esperti, nel Salento, dopo una tregua nel primo pomeriggio, le condizioni di maltempo si intensificheranno in serata con elevata probabilita’ di nevicate anche in pianura e lungo le coste.

Nelle prossime ore le condizioni del tempo peggioreranno ulteriormente: il secondo nucleo d’aria gelida, ancora più intenso, porterà la neve copiosa fin sulle coste. Così domani, Venerdì 4 Gennaio, nevicherà in tutte le principali città del Sud, non solo su tutto il territorio di Abruzzo, Molise e Puglia fino a Taranto e Lecce nel Salento, ma anche a Napoli, Salerno, Caserta, Avellino e Benevento, e all’estremo Sud fin sulle coste dello Stretto di Messina e Reggio Calabria, di Palermo e di Catania. Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale direttamente su MeteoWeb:

Previsioni Meteo, bollettini, allerte e notizie di scienza con l’APP di MeteoWeb per iPhone e iPad: click qui per scaricarla dall’App Store

Previsioni Meteo, bollettini, allerte e notizie di scienza con l’APP di MeteoWeb per tutti i dispositivi Android: click qui per scaricarla da Google Play

Previsioni Meteo Gennaio, aggiornamenti sullo stratwarming in corso: dalla metà del mese molto freddo e abbondanti nevicate in Europa [MAPPE]