Eni entra negli Emirati Arabi, quota in due concessioni offshore. Gentiloni ad ad Abu Dhabi: “cultura italiana ammirata nel mondo” [FOTO]

  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
/
MeteoWeb

Eni ha firmato oggi ad Abu Dhabi due Concession Agreement per l’ingresso con una quota del 5% nel giacimento a olio di Lower Zakum e con una quota del 10% nei giacimenti a olio, condensati e gas di Umm Shaif e Nasr, nell’offshore del Paese, per un corrispettivo di circa 875 milioni di dollari complessivi e una durata di 40 anni. Alla cerimonia di firma hanno partecipato il Principe Ereditario di Abu Dhabi, lo Sceicco Mohamed bin Zayed Al Nahyan, e il Primo Ministro italiano, Paolo Gentiloni, oltre all’Amministratore Delegato della societa’ di stato ADNOC, Sultan Ahmed Al Jaber, e all’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi. Questi accordi – rende noto il gruppo – rappresentano una mossa strategica per Eni per l’ingresso in un Paese con riserve di idrocarburi tra le piu’ grandi al mondo.

Lower Zakum si trova offshore a circa 65 chilometri al largo di Abu Dhabi. La scoperta risale al 1963 e la produzione e’ iniziata nel 1967, con un target di produzione di 450mila barili di olio al giorno. Umm Shaif e Nasr si trovano in offshore a circa 135 chilometri dalla costa di Abu Dhabi e hanno un target di produzione di 460mila barili di olio al giorno. L’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha commentato: “Sono molto contento di questo accordo che ci da’ la possibilita’ di allargare la nostra presenza in Medio Oriente, in linea con la nostra strategia di espansione, e di creare una forte alleanza con ADNOC e Abu Dhabi. Le due concessioni danno accesso a giacimenti giant con un enorme potenziale e Eni vuole contribuire alla massimizzazione della produzione futura con la sua migliore tecnologia”. L’ad di ADNOC, Al Jaber, ha detto: “Questi accordi mettono in evidenza la fiducia del mercato internazionale nei piani di crescita a lungo termine di ADNOC e nel negli Emirati Arabi come contesto stabile e affidabile dove investire. Inoltre, ampliano e diversificano le nostre partnership, contribuendo nel contempo ad acquisire esperienza, tecnologia, accesso al capitale e al mercato. La nostra partnership con Eni, cosi’ come con gli altri partner nelle concessioni, ci consentira’ di accelerare la nostra crescita, aumentare le entrate e migliorare l’integrazione lungo la catena del valore nell’Upstream, come parte della nostra continua trasformazione, e accrescere ulteriormente le basi che sono state poste per fornire un business Upstream piu’ redditizio. Con questi accordi, ADNOC continua a fare leva sul suo patrimonio di 46 anni di partnership di successo nel settore dell’energia, a sostegno della sua strategia 2030”. In entrambe le concessioni ADNOC possiede una quota del 60%. L’operatore e’ ADNOC offshore.

Ad Abu Dhabi grande successo per il concerto dell’Orchestra di Santa Cecilia diretta dal maestro Pappano e con la pianista Beatrice Rana. La cultura italiana ammirata nel mondo“. Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, oggi in visita negli Emirati arabi