Eruzione vulcano Kilauea, situazione critica alle Hawaii: la lava raggiunge l’oceano e si aprono nuove fessure distruttive [FOTO e VIDEO]

  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
/

La lava dalle fessure attive vicino alla suddivisione di Leilani Estates ha completato il suo cammino di quasi 6,5 km ed ha raggiunto la costa della Grande Isola delle Hawaii, riversandosi nell’oceano in due punti separati. È stata definita una zona di sicurezza che si estende per 300 metri in tutte le direzioni dal punto di ingresso della lava nell’oceano. Nel frattempo, i livelli di diossido di zolfo sono triplicati e i residenti sono invitati a limitare il più possibile l’esposizione ai gas tossici.

Gli esperti aggiungono che il flusso di lava che si sta riversando nell’oceano non mostra segni di rallentamento nel breve periodo. Mentre il flusso cade nell’acqua e crea nuova terra, aumentano le preoccupazioni per la minaccia dell’acido cloridrico che emerge dall’oceano a causa del contatto con la lava.

Ma mentre la lava viaggiava verso l’oceano, si è aperta una nuova frattura che in un punto potrebbe deviare alcuni flussi di lava nuovamente nel terreno. Dall’Osservatorio Vulcanologico delle Hawaii fanno sapere che “questo potrebbe provocare cambiamenti al sistema di canali e al punto di ingresso nell’oceano”. “Abbiamo osservato la stessa cosa nell’eruzione di Kamoamoa del 2011 e la lava che ritornava nel suolo non è mai riapparsa in superficie ed è possibile che questo accada ancora ma non ne siamo sicuri”, ha dichiarato Wendy Stovall, del Servizio Geologico americano (USGS).

Potenti fiumi di lava continuano a minacciare case e strade nel distretto di Puna e gli incendi boschivi causati dalla lava hanno costretto all’evacuazione di altri residenti. Le autorità si sono recate porta a porta per evacuare l’area e hanno imposto a tutti di stare lontani dalla zona fino a nuova comunicazione. Ora sono 3 i rifugi di emergenza aperti sulla Grande Isola per le migliaia di persone che sono state costrette a lasciare le loro case.

Da quando sono cominciate le eruzioni il 3 maggio, i flussi di lava hanno distrutto almeno 44 strutture nelle suddivisioni di Leilani Estates e Lanipuna Gardens. Come se non bastasse, un punto di accesso fondamentale per le comunità del distretto di Puna è stato bloccato da un muro di lava alto 6 metri che ha invaso un’importante autostrada. Si prevede che la chiusura dell’autostrada influenzi le migliaia di residenti che stanno cercando di entrare o uscire dalle aree colpite dalla lava.