Esplosione Catania: si aggravano condizioni di un vigile del fuoco

  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia/LaPresse
/
MeteoWeb

Si sono aggravate nella notte le condizioni di salute di uno dei due vigili del fuoco coinvolti nell’esplosione di ieri sera a Catania, ricoverati nel reparto di rianimazione dell’ospedale Garibaldi. Si tratta di Giuseppe Cannavo’, 38enne, che ha una grave lesione polmonare.

Restano critiche le condizioni dell’altro pompiere, Marcello Tavormina, 38 anni, che ha riportato un trauma cranico: non sarebbe però in pericolo di vita.