Germanwings: un minuto di silenzio sulle Alpi francesi a un anno dal disastro aereo [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
/
MeteoWeb

Un minuto di silenzio è stato osservato nella città di Le Vernet, in Francia, dalle famiglie e dagli amici delle 150 vittime dello schianto del volo Germanwings fatto precipitare esattamente un anno fa dal pilota sulle Alpi francesi. Le celebrazioni in memoria del disastro sono iniziate alle 10.41 locali, l’orario in cui l’Airbus della linea aerea tedesca si schiantò al suolo, e vi hanno partecipato, oltre ai famigliari delle vittime, anche gli abitanti di Le Vernet, che mostrarono tutta la loro solidarietà nei giorni seguenti la catastrofe. I parenti delle vittime sono arrivati sul posto da Marsiglia, dove si è tenuta un’altra celebrazione, a bordo di oltre dieci autobus. I partecipanti alle commemorazioni raggiungeranno il luogo esatto dello schianto a piedi, attraverso un sentiero di montagna reso malconcio dalle recenti piogge. Sul punto del disastro verrà deposta una corona di fiori in memoria delle vittime. Lo schianto venne causato intenzionalmente dal copilota Andreas Lubitz, che per portare a compimento il suo piano si chiuse all’interno della cabina di pilotaggio dopo avere preso da solo i comandi. Alle 19 è previsto il rientro a Marsiglia dei parenti delle vittime, per la maggior parte tedeschi e spagnoli, che poi torneranno a casa. I parenti delle vittime hanno espressamente chiesto che non vengano scattate foto delle commemorazioni, come riferito nei giorni scorsi dal prefetto del dipartimento francese delle Alpi dell’Alta Provenza, Bernard Guerin.