Gianotti (Cern): la sfida del 2016 sarà “capire la composizione della materia oscura”

  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
  • Andrea Negro/LaPresse
    Andrea Negro/LaPresse
/
MeteoWeb

Gianotti, dal primo gennaio 2016 sarà alla direzione generale del Cern

Fabiola Gianotti, ricevendo la cittadinanza onoraria dai comuni di Asti e Isola d’Asti (“erano anni che non tornavo qui, nei luoghi della mia infanzia e che hanno contribuito alla mia formazione“), paese di origine del padre, ha dichiarato che una delle grandi sfide del 2016 sarà cercare di capire “la composizione della materia oscura“.

Gianotti, dal primo gennaio 2016 sarà alla direzione generale del Cern: “Sarò al Cern per 5 anni poi tornerò a fare il fisico“.