Giappone: i danni del terremoto a Kumamoto [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

E’ di almeno 9 morti e oltre 950 feriti il bilancio del terremoto magnitudo 6.4 che ha colpito l’isola meridionale di Kyusho (Giappone) alle 21.26 ora locale. Migliaia di soccorritori sono al lavoro in cerca di sopravvissuti nella città di Mashiki dove molte case sono state rase al suolo dal sisma e la gente ha trascorso la notte all’addiaccio, avvolta nelle coperte. Nessun allarme tsunami è stato diramato e le autorità hanno assicurato che non è stata segnalata nessuna criticità nelle centrali nucleari. Oltre 44mila persone hanno dovuto abbandonare le loro case nella prefettura di Kumamoto, aggiungendo che 12mila case sono rimaste senza elettricità e 1.900 senz’acqua. Dopo la prima scossa, ve ne sono state altre 100 nelle nove ore successive al sisma.

Il terremoto è il più grave ad avere colpito il Giappone dopo il sisma di magnitudo 9 dell’11 marzo 2011 che provocò un potente tsunami sulla costa nord orientale e il grave incidente nucleare di Fukushima.