Grecia: migliaia di migranti in fila verso la Macedonia sotto il diluvio [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

I circa 7.000 migranti hanno atteso pazientemente per ore al confine macedone nel fango e sotto una pioggia incessante

Migliaia di migranti, incluse molte famiglie con bambini, si preparano a entrare in Macedonia dalla Grecia sotto piogge torrenziali, dopo che le autorita’ greche sono riuscite a registrare circa 17.000 che si trovavano sull’isola di Lesbo permettendogli di proseguire il loro viaggio in Europa. Circa 7.000 persone aspettano nel fango in un campo vicino al villaggio greco di Idomeni per attraversare il confine ed entrare in Macedonia. Altri continuano ad arrivare. I circa 7.000 migranti, secondo le autorita’ greche, hanno atteso pazientemente per ore al confine macedone nel fango e sotto una pioggia incessante. Circa 3.000 sono accampati intorno alla stazione di Idomeni, dove affollano il bar e la biglietteria, in attesa di salire su un treno che attraversi la Macedonia verso l’Ungheria. Altri 4.000, molte famiglie con bambini piccoli, bustoni o bagagli, in attesa di ottenere il via libera dalla polizia di confine macedone, hanno utilizzato di tutto per cercare di ripararsi dall’acqua: buste dell’immondizia, teli di plastica, perfino qualche ombrellone da spiaggia. Ma anche per chi aveva un cappuccio restare asciutto e’ stato molto difficile e molti dei migranti appaiono zuppi fradici e gocciolanti. Alcune persone, esposte per ore a freddo e acqua, mostrano segni di insofferenza e un uomo proveniente dall’Iraq e’ stato visto chiedere in giro come fare per ritornare sui suoi passi. Le autorita’ greche hanno valutato quest’ondata di profughi – 17.000 registrati in entrata sull’isola di Lesbo – la piu’ massiccia mai vista in una volta sola.