Haiti: la lotta per ricevere gli aiuti umanitari dopo il passaggio dell’uragano Matthew [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

Oltre 800 casi di colera sono stati registrati in una settimana ad Haiti dopo l’uragano Matthew: lo ha reso noto l’Organizzazione Mondiale della Sanità. “Il numero di casi di colera è aumentato dopo l’uragano“, ha dichiarato il dottor Jean-Luc Poncelet, rappresentante dell’Oms ad Haiti. Secondo l’Oms, che cita dati del ministero della Sanità, 773 casi di colera sono stati registrati in tutto il Paese tra il 9 e il 15 ottobre. Un’epidemia di colera aveva già colpito nel 2010 Haiti, con più di 300.000 casi nel 2011.