Hawaii: possibile un’eruzione esplosiva del vulcano Kilauea, a rischio anche le città più distanti [GALLERY]

  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/
MeteoWeb

Il vulcano Kilauea potrebbe presto emettere rocce e cenere dal cratere sulla sua vetta secondo il tipo di eruzione esplosiva che si è manifestata quasiun secolo fa. Gli esperti hanno affermato che il rischio aumenterà nelle prossime settimane mentre il magma fluisce dalla pancia del vulcano verso l’area dove ha cominciato ad eruttare lava in una zona residenziale la scorsa settimana.  Un’esplosione di questo tipo potrebbe anche rilasciare cenere, vapori e diossido di zolfo.

Il Kilauea ha già distrutto 36 strutture – di cui 26 sono abitazioni – da quando ha cominciato ad emettere lava dai condotti vulcanici circa 40 km a est del cratere in cima. I condotti vulcanici sono ora 15 e sono sparsi in tutta la suddivisione di Leilani Estates e nella vicina Lanipuna Gardens. Nelle prossime settimane, il cratere in cima potrebbe espellere blocchi fino a 1,8 metri di diametro fino ad una distanza di 1,6 km e frammenti di roccia più piccoli fino a diversi chilometri di distanza, secondo quanto riportato dal Servizio Geologico americano (USGS). Le città distanti, come Hilo, il centro più popolato delle Hawaii, a circa 48 km, potrebbero essere ricoperte dalla cenere.

Il lago di lava che si sta ritirando presenta condizioni simili a quelle osservate prima di una forte esplosione dalla vetta nel 1924, ha spiegato Tina Neal, scienziata dell’Osservatorio Vulcanologico delle Hawaii dell’USGS. In quell’occasione, l’esplosione uccise una persona e rilasciò rocce, cenere e polvere nell’aria per 17 giorni.

Questo evento potrebbe ripetersi ancora quando il lago di lava in cima scenderà così in profondità da permettere alle acque sotterranee di scorrere nei condotti che alimentano il magma nel cratere. Il magma riscalderebbe l’acqua, emettendo vapore che spingerebbe fuori tutte le rocce accumulate in un’esplosione. Il geologo Don Swanson, dell’Osservatorio Vulcanologico delle Hawaii, ha affermato che probabilmente il magma scenderà sotto la falda acquifera intorno alla metà di questo mese.

Gli esperti non sanno dopo quanto tempo da questo evento potrebbe avvenire l’esplosione. Prevedono che sia un processo rapido, anche se non hanno la certezza. Fortunatamente, nessuno vive nelle immediate vicinanze del cratere. L’Hawaii Volcanoes National Park, che comprende il cratere e l’area circostante, chiuderà in anticipo a causa del possibile evento esplosivo.

Il Governatore delle Hawaii, David Ige, ha dichiarato che l’impianto geotermico vicino ai focolai di lava sta accelerando la rimozione del gas infiammabile conservato. L’impianto ha 189.270 litri di pentano sul sito che dovrebbe essere rimosso entro la giornata di oggi, 10 maggio. “Sarebbe molto pericoloso se un condotto vulcanico si aprisse al di sotto della struttura dove è contenuto il combustibile”, ha dichiarato il Governatore.

Intanto, la polizia ha arrestato un uomo sospettato di aver saccheggiato delle abitazioni a Leilani Estates, posta sotto l’ordine di evacuazione obbligatoria. L’uomo è stato visto mentre lasciava l’abitazione dal proprietario che era tornato a recuperare alcuni oggetti personali.