Incendio alla raffineria Eni di Sannazzaro: secondo incidente in due mesi [FOTO e VIDEO]

  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
/
MeteoWeb

Nuova esplosione e nuovo incendio alla raffineria Eni di Sannazzaro, a poco piu’ di due mesi dall’incidente che il 1 dicembre scorso ha interessato l’impianto Est. Il rogo odierno (avvenuto questa mattina poco prima delle 8: 40) e’ gia’ stato domato e non ci sono feriti.

L’area interessata e’ l’Isola 7, nella parte vecchia della raffineria, un impianto che lavora greggio. Non e’ scattato alcun allarme esterno e i danni sembrano contenuti. La società in una nota fa sapere in cui che “non si sono verificati danni alle persone né si stimano impatti sull’ambiente“. Il team di emergenza Eni ha subito messo in atto le misure di sicurezza necessarie in casi del genere e i vigili del fuoco della raffineria sono intervenuti tempestivamente spegnendo il focolaio. Sono in corso accertamenti per accertare le cause dell’incendio.

La Protezione Civile di Alessandria ha rassicurato sulle estensioni del rogo, ridotte rispetto a quello del primo dicembre. La situazione continua comunque a essere monitorata anche da Arpa.