Incendio Notre Dame, esperto italiano: “Avevamo segnalato il rischio nel 2016” [GALLERY]

Notre Dame, esperto italiano: "Avevamo fatto un sopralluogo alla cattedrale e ci eravamo resi conto che c'era rischio di incendi"

  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/
MeteoWeb

Ho dovuto segnalare ieri all’Eliseo la presenza di questo rapporto“: lo ha dichiarato Paolo Vannucci, professore di Meccanica all’Università di Versailles, ad Agorà, su RaiTre, autore del documento. “Il 20 aprile 2016 avevamo fatto un sopralluogo alla cattedrale e ci eravamo resi conto che c’era effettivamente un problema di sicurezza rispetto agli incendi, lo avevamo segnalato“.

Secondo lo studio “Cathédrale durable” realizzato nel 2016 dal professore Vannucci, originario di Lucca, sotto al tetto di Notre-Dame – riporta Il Sole 24 Ore – c’era un enorme carico di incendio: si tratta di tutta la polvere stratificata nei secoli sull’antico legno della struttura e che era particolarmente infiammabile. Una semplice scintilla, magari scaturita da un corto circuito o dai cavi del sistema d’allarme, potrebbe avere innescato il rogo.

Lo studio del professore Vannucci è stato consegnato anche al Consiglio nazionale di ricerca francese, che però lo ha ignorato, scrive Il Sole 24 Ore. Nello studio di Vannucci si suggeriva di sostituire l’obsoleto sistema antincendio con uno più adatto: non acqua ma polveri.