Incidenti in mare, la nave è colata a picco nel fiume Yangtze in pochi minuti [FOTO] I precedenti

  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
/
MeteoWeb

Dalla strage di oggi in Cina al Bangladesh e alla Concordia: tutti i precedenti delle tragedie in mare

In appena uno o due minuti è affondata“. Così il capitano della nave colata a picco nel fiume cinese Yangtze, con a bordo oltre 450 persone, ha raccontato all’agenzia di stampa Xinhua quanto avvenuto dopo essere stato tratto in salvo. Sia lui che l’ingegnere capo, tra le 15 persone recuperate dopo la tragedia, hanno riferito che nella notte si è scatenato un tornado che ha fatto capovolgere la nave. L’ufficio meteorologico ha confermato che al momento dell’incidente c’erano forti venti nella zona, “fino a 120 chilometri orari“, riporta il quotidiano ‘Hubei Ribao’.

LaPresse/XinHua
LaPresse/XinHua

La ricerca dei 440 dispersi è ostacolata dal cattivo tempo. La nave “Stella d’Oriente” era in viaggio da Nanchino, nell’est del Paese, verso Chongqing, nel sudovest. A bordo c’erano centinaia di turisti cinesi tra i 60 e gli 80 anni, ma anche un piccolo di tre anni. La profondità dell’acqua dove è avvenuto l’incidente, precisano i media locali, è di 15 metri. Per i soccorsi sono stati dispiegati oltre 3mila uomini e decine di imbarcazioni.

Tutti i precedenti

Il disastro odierno nelle acque cinesi e’ solo l’ultimo di una lunga serie, per ilmaltempo o per un incidente, come nel naufragio della Costa Concordia al Giglio. – 23 FEBBRAIO 2015 – Un traghetto con 200 persone a bordo si inabissa sul fiume Padma, in Bangladesh, dopo uno scontro con una nave cargo: 78 morti. Nello stessa zona, il 4 agosto 2014, affonda una barca sovraccarica con 300 persone: ne muoiono 200. – 28 DICEMBRE 2014 – Il traghetto Norman Atlantic, in viaggio dalla Grecia verso l’Italia, prende fuoco: 9 vittime accertate, 19 dispersi. – 16 APRILE 2014: Il traghetto Sewol naufraga al largo delle coste meridionali sudcoreane. A bordo 462 persone. 295 morti. – 13 GENNAIO 2012: il disastro della nave da crociera Costa Concordia, affondata nelle acque dell’Isola del Giglio, costa la vita a 32 persone. – 10 LUGLIO 2011: Nella repubblica russa del Tatarstan naufraga nelle acque del Volga la nave da crociera Bulgaria, subito ribattezzata il “Titanic del Volga”: 122 vittime, una trentina i bambini, intrappolati nella sala giochi. – 22 GIUGNO 2008: al largo dell’isola di Sibuyan, nelle Filippine, il traghetto ‘Princess of Stars’ affonda con 845 persone a bordo per le ondate provocate da un tifone. – 30 DICEMBRE 2006: nel Mare di Java, in Indonesia, a causa del maltempo affonda un traghetto. I morti sono oltre 500. – 3 FEBBRAIO 2006 – L’egiziana Al Salam Boccaccio 98 con a bordo 1400 persone si inabissa portando con se’ centinaia di pellegrini ed emigranti egiziani di ritorno dall’Arabia Saudita. – 8 LUGLIO 2003: nel Bangladesh, un traghetto, con a bordo circa 800 persone, fa naufragio a causa delle cattive condizioni del tempo e per un guasto meccanico. Almeno 600 i morti. – 26 SETTEMBRE 2002: il traghetto Joola si rovescia nella notte al largo della costa del Gambia. Pesantissimo il bilancio delle vittime: 970 persone, fra cui molti bambini. – 3 MAGGIO 2002: un traghetto affonda nel fiume Meghna, nel sud del Bangladesh, durante una tempesta. Oltre 460 i morti. – 29 GIUGNO 1999: vicino alle isole Miangas (Indonesia), a causa di una burrasca affonda un traghetto con a bordo circa 500 persone, in maggioranza cristiani in fuga dal conflitto con i musulmani dell’arcipelago delle Molucche. Si salvano in dieci. – 21 MAGGIO 1996: in Tanzania naufraga un traghetto sul lago Victoria. Circa 800 i morti. – 28 SETTEMBRE 1994: il traghetto ‘Estonia’, in navigazione da Tallinn (Estonia) a Stoccolma (Svezia), affonda nel mar Baltico. Muoiono 852 persone. – 17 FEBBRAIO 1993: ad Haiti, un traghetto con oltre 2.000 persone a bordo si rovescia durante una tempesta. I morti accertati sono 275, oltre 800 i dispersi. – 10 APRILE 1991. Al largo del porto di Livorno il traghetto Moby Prince si scontra con la petroliera Agip Abruzzo che prende fuoco. Dei 141 passeggeri, si salva solo un giovane mozzo.