India: dopo la festa Diwali allarme inquinamento a Delhi [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

New Delhi oggi ha avuto un risveglio inaspettato: una cappa di nebbia e fumo prodotta dall’enorme quantità di fuochi artificiali utilizzati per celebrare Diwali, la ‘Festa delle luci‘ equivalente al Natale occidentale, ha generato un pericoloso allarme inquinamento. Molte persone, segnala il quotidiano Hindustan Times nella sua pagina online, nella notte e stamani hanno dovuto fare ricorso alle cure degli ospedali per ustioni causate dall’uso del materiale pirotecnico, ma soprattutto per gravi problemi respiratori. Gli occhi delle autorita’ sanitarie della capitale, considerata a volte la piu’ inquinata citta’ del mondo, sono puntati sui livelli di particolato fine ed ultrafine (PM10 e PM2,5). E le ragioni della preoccupazione per la salute pubblica sono evidenti, perche’ alle 8,20 locali, nel quartiere meridionale di RK Puram il livello del particolato fine Pm10, per un livello massimo accettabile di 100 microgrammi per metro cubico di aria, era a quota 862. E per il piu’ dannoso PM2,5 il livello (434) era di oltre sette volte superiore al massimo consentito (60).