Indonesia: ceneri e rischio eruzione del vulcano Agung, aeroporto di Bali chiuso per altre 24 ore [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/XInHua
    LaPresse/XInHua
  • LaPresse/XInHua
    LaPresse/XInHua
  • LaPresse/XInHua
    LaPresse/XInHua
/
MeteoWeb

A causa delle ceneri e del rischio eruzione del vulcano Agung, le autorità indonesiane hanno deciso di prorogare di 24 ore la chiusura dell’aeroporto internazionale dell’isola turistica di Bali, l’aeroporto di Ngurah Rai, dove ogni anno transitano milioni di visitatori.

Il vulcano Agung sta emettendo da giorni colonne di fumo e ceneri che si innalzano fino a 3.000 metri di altezza: centinaia i voli cancellati finora e circa 60.000 i passeggeri colpiti.

Secondo esperti e autorità, un’eruzione potrebbe verificarsi in qualsiasi momento, e per tale motivo hanno innalzato al massimo il livello di allerta, accelerando le operazioni di evacuazione: sono già 40.000 le persone che hanno lasciato l’area a rischio, su un totale di circa 100.000.

L’ultima eruzione del vulcano Agung risale al 1963: morirono 1.600 persone.