Indonesia, il momento in cui il vulcano Tangkuban Perahu entra in eruzione: panico tra i turisti, strade e auto totalmente ricoperte di cenere [FOTO e VIDEO]

Impressionanti le immagini che arrivano dall'Indonesia riguardo l'eruzione del vulcano Tangkuban Perahu: turisti colti di sorpresa e pesantissima ricaduta di cenere

/
MeteoWeb

Il vulcano Tangkuban Perahu dell’Indonesia ha eruttato vicino alla terza città più grande del Paese, creando un grande pennacchio di cenere nel cielo che è ricaduto a più di 1,6km dal vulcano, che si trova circa 32km a nord di Bandung, capitale della provincia di Giava orientale che accoglie oltre 2,3 milioni di persone. Fortunatamente non ci sono notizie di vittime ma le immagini che arrivano dalle zone intorno al vulcano sono davvero impressionanti.

Secondo il Center for Volcanology and Geological Hazard Mitigation (PVMBG), la cenere vulcanica è salita fino a 213 metri dal vulcano che raggiunge i 2286 metri sopra il livello del mare, riporta il Jakarta Post. “L’eruzione è stata registrata sul sismogramma con un’ampiezza massima di 38mm e una durata di circa 5 minuti e 30 secondi”, ha comunicato il PVMBG, facendo notare che il vulcano è ora classificato come livello 1 o “normale”. Le immagini e i video postati sui social network da residenti e turisti mostrano i pennacchi di fumo e cenere sollevarsi dal vulcano con le persone nel panico che corrono per allontanarsi su strade coperte di cenere. Nella gallery in alto a corredo dell’articolo e nei video in fondo, tutte le immagini che testimoniano gli effetti dell’eruzione del Tangkuban Perahu.

Il cratere del Tangkuban Perahu è un luogo popolare e l’Agenzia nazionale per la gestione dei disastri sta avvisando i turisti di stare lontani dal cratere e di restare in allerta per il possibile prosieguo dell’attività vulcanica, informando che “un’eruzione freatica potrebbe accadere in qualsiasi momento senza chiari segnali vulcanici”.

L’Indonesia fa parte dell’Anello di Fuoco del Pacifico e ha decine di vulcani, con alcuni dei più attivi sulle popolose isole di Giava e Bali.