Israele: terzo giorno di incendi, evacuate centinaia di persone [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

Diverse centinaia di persone sono state evacuate dalle loro case a causa dei vasti incendi favoriti da forti venti e una siccità prolungata che per il terzo giorno consecutivo stanno interessando Israele. Particolarmente colpite le zone nei pressi della città di Modiin, nel centro del Paese, e i boschi intorno a Gerusalemme e Haifa, dove quattro persone hanno avuto bisogno di cure mediche per intossicazione. Le fiamme sono divampate anche vicino alla colonia di Talmon in Cisgiordania, diffondendosi rapidamente verso le case, con la polizia che ha ordinato l’evacuazione di alcuni residenti. Secondo quanto rivelano alcuni media locali, le forze di sicurezza ritengono che molti degli INCENDI possano essere stati appiccati per motivi politici, anche se sono probabilmente una serie di episodi isolati e non il lavoro di un’organizzazione più grande. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha chiamato e chiesto aiuto al presidente russo Vladimir Putin, che ha confermato che la Russia invierà immediatamente due aerei Be-200 per contribuire allo spegnimento delle fiamme. Anche la Turchia ha accettato di inviare mezzi di soccorso aerei, unendosi alla Grecia, all’Italia, alla Croazia e a Cipro.