Jim Bridenstine al timone della NASA: è il primo amministratore dell’Agenzia senza specifiche competenze scientifiche

/
MeteoWeb

Sarà Jim Bridenstine il nuovo amministratore della NASA sotto il mandato Trump. La notizia, già anticipata dalla Casa Bianca, è ora stata resa ufficiale da un comunicato lanciato dall’agenzia spaziale statunitense.

Il deputato Bridenstine, rappresentante dell’Oklahoma in Parlamento, sarà così il tredicesimo direttore dell’ente americano per le attività spaziali e aeronautiche.

L’amministratore facente funzioni Robert Lightfoot – spiega l’Agenzia Spaziale Italiana – ha dichiarato di essere pronto a gestire un passaggio di consegne rapido ed efficace.

Sono compiaciuto di avere il senatore Bridenstine alla guida del nostro team – si legge nella sua dichiarazione. – La nomina dovrà ovviamente passare attraverso il processo di conferma del Senato, ma mi impegnerò ad assicurare una transizione morbida e condividere il grande lavoro che la squadra della NASA sta svolgendo.

Non vedo l’ora di lavorare con un nuovo gruppo di leadership – continua Lightfoot – per portare avanti le missioni della NASA. Continueremo a perseguire i nostri obiettivi nell’esplorazione umana, nella scienza, nell’aeronautica e nella tecnologia.”

Bridenstine, una carriera nell’aviazione militare alle spalle, è un ex pilota di E-2C Hawkeye ed ex direttore del Tusla Air and Space Museum e del Planetario.

La sua nomina ha sollevato qualche polemica, dal momento che si tratterebbe del primo amministratore della NASA senza specifiche competenze in ambito scientifico.