La spaventosa eruzione del vulcano Calbuco ha generato una tempesta di fulmini vulcanici [FOTO e VIDEO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
/
MeteoWeb

La scorsa notte l’eruzione del vulcano Calbuco in Sud America: immagini spaventose

A distanza di 43 anni dall’ultima volta, il vulcano Calbuco, mille chilometri a sud di Santiago del Cile, ha ripreso a eruttare, con delle spettacolari emissioni di fumo e cenere nell’atmosfera. La presidente del Cile Michelle Bachelet ha deciso per questo di dichiarare lo stato di emergenza nella provincia di Llanquihue e nel comune di Puerto Octay. Le forze armate sono state schierate per aiutare le persone che vivono nel raggio di 20 chilometri dal vulcano a evacuare dalle loro abitazioni e per evitare fenomeni di sciacallaggio nelle case lasciate vuote. Per ora, fa sapere il ministero dell’Interno, sono state fatte evacuare più di 4mila persone dalle città di Ensenada, Alerce, Colonia Río Sur e Correntoso, nella regione di Los Lagos, ma sono circa 60mila gli abitanti interessati dall’emergenza.

Cosa sono i fulmini vulcanici

vulcano Calbuco 30L’eruzione ha provocato una vera e propria tempesta di fulmini vulcanici. I fulmini, siano atmosferici o vulcanici o di altra natura, non sono altro che un intensissimo flusso di elettricità tra due zone in cui sono presenti cariche elettriche di segno opposto. La carica elettrica non è altro che il rapporto tra elettroni e protoni in una qualche quantità di materia.

Se il numero di elettroni supera quello dei protoni la materia è carica negativamente, viceversa se predominano i protoni. Due condizioni devono esistere perché si produca un fulmine. La prima necessita la presenza di meccanismo che genera la separazione di cariche tra due masse considerevoli di materia che siano sufficientemente separate. La seconda implica un processo che connetta le due masse in modo da permettere il flusso di elettricità. In genere l’ultima condizione è relativamente semplice. Quando la differenza di potenziale tra le due masse è sufficientemente elevata, riesce a superare la resistenza dell’aria per cui può avvenire la scarica elettrica.

I video:

Le foto: