La straordinaria bellezza del rapace più elegante d’Europa, il Nibbio reale [FOTO]

  • 1 - Un Nibbio reale in volo nel Marchesato Crotonese - ph Gianluca Congi
    1 - Un Nibbio reale in volo nel Marchesato Crotonese - ph Gianluca Congi
  • 2 - Un Nibbio reale adulto con una preda appena catturata nelle zampe - ph Gianluca Congi
    2 - Un Nibbio reale adulto con una preda appena catturata nelle zampe - ph Gianluca Congi
  • 3 - Uno dei due nibbi della storica coppia nidificante sulla Sila orientale - ph Gianluca Congi
    3 - Uno dei due nibbi della storica coppia nidificante sulla Sila orientale - ph Gianluca Congi
  • 4 - Uno dei due giovani nibbi reali, nati dalla coppia nella stagione riproduttiva 2015 - ph Gianluca Congi
    4 - Uno dei due giovani nibbi reali, nati dalla coppia nella stagione riproduttiva 2015 - ph Gianluca Congi
  • 5 - Nibbi reali svernanti avvistati nel dicembre 2013 tra le province di Crotone e Cosenza - ph Gianluca Congi
    5 - Nibbi reali svernanti avvistati nel dicembre 2013 tra le province di Crotone e Cosenza - ph Gianluca Congi
  • 6 - Un Nibbio reale nei pressi di un traliccio situato sulla Sila orientale - ph Gianluca Congi
    6 - Un Nibbio reale nei pressi di un traliccio situato sulla Sila orientale - ph Gianluca Congi
  • 7 - Nibbio reale nell'entroterra Crotonese - ph Gianluca Congi
    7 - Nibbio reale nell'entroterra Crotonese - ph Gianluca Congi
  • 8 - Un Nibbio reale appollaiato nei pressi di una discarica - giugno 2013 - ph Gianluca Congi
    8 - Un Nibbio reale appollaiato nei pressi di una discarica - giugno 2013 - ph Gianluca Congi
/
MeteoWeb

Di Gianluca Congi – In un’assolata mattinata di primavera, tra le splendide vallate e le pareti mozzafiato dell’entroterra Crotonese, ecco spuntare all’improvviso la sagoma di un grande uccello, dai tratti inconfondibili. Nella sua straordinaria bellezza, il volo temprato, silenzioso e solitario, solca quei cieli azzurri spezzando l’aria, quasi a trasmettere l’immane valore della natura. E’ il Nibbio reale (Milvus milvus), che volteggia nelle ore più calde, scrutando attentamente, le campagne rimaste indenni dallo scellerato progresso umano. Qui l’articolo completo.