L’uragano “Earl” ha raggiunto la terraferma, il “landfall vicino Belize City con venti a 130 km/h [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

Lo U.S. National Hurricane Center ha reso noto che l’uragano Earl ha effettuato il “landfall” vicino Belize City, Belize, con venti massimi sostenuti a 130 km/h. Il centro si trova a 10 km sudovest da Belize City e si muove in direzione ovest a circa 23 km/h.

L’allerta è in vigore sia in Belize che in Messico, sebbene si prevede che l’uragano perda intensità nelle prossime ore: nonostante ciò, si attendono piogge torrenziali nel sud del Messico, quando Earl raggiungerà lo Yucatan e gli Stati di Tabasco e Veracruz. In Belize le autorità hanno chiesto alla popolazione di allontanarsi dalle coste e spostarsi il più possibile nell’entroterra. In Guatemala, le autorità della città settentrionale di Puerto Barrios hanno riferito di controlli “nelle zone vulnerabili“, da dove far evacuare le persone prima di possibili inondazioni. Ieri il presidente del Guatemala, Jimmy Morales, ha offerto aiuti e ripari alla popolazione del Belize presente al confine.