Maltempo, alluvione a Palermo: i corpi delle vittime di Casteldaccia “violentati” da acqua e detriti

  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
  • LaPresse/Guglielmo Mangiapane
    LaPresse/Guglielmo Mangiapane
/

Tragedia per il maltempo in contrada Cavallaro a Casteldaccia (Palermo): 9 persone, tra cui donne e bambini, sono morte in una villa a causa dell’esondazione del fiume Milicia ingrossato dalle intense precipitazioni.

I cadaveri delle vittime, secondo quanto riferito da testimoni, sono stati “violentati” dall’acqua e dagli urti durante l’allagamento della casa.
Acqua, fango e detriti hanno raggiunto il soffitto e i corpi sono stati sbattuti all’interno dell’abitazione urtando mobili e muri.