Maltempo, la grandine enorme di ieri sera ha devastato le risaie di Vercelli [FOTO]

Maltempo, grandine enorme a Vercelli ieri sera: devastate le risaie più famose d'Europa

/

L’intensa grandinata che ha colpito ieri sera Vercelli e la bassa Vercellese ha provocato diversi danni. Numerosi gli interventi dei vigili del fuoco per alberi e rami pericolanti, allagamenti di scantinati, ascensori bloccati e pali divelti. A Vercelli, dove era in corso la Notte Bianca in occasione dei saldi, un sottopasso è stato chiuso per allagamenti. Diversi i casi di parabrezza danneggiati dai chicchi di grandine. Gli interventi sono proseguiti fino a notte inoltrata.

Le zone piu’ colpite sono le campagne nelle immediate vicinanze di Vercelli, nel territorio dei Comuni di Olcenengo, Asigliano e Stroppiana: allagamenti in abitazioni e cantine, tettoie e pannelli fotovoltaici distrutti, tegole divelte, decine di vetture con i vetri, parabrezza, specchietti infranti e carrozzeria ammaccata. Numerosi anche gli incidenti stradali. Problemi anche alle reti di distribuzione dell’energia elettrica, con ripetuti blackout in diverse zone. I sindaci di alcuni dei Comuni interessati stanno valutando la possibilita’ di chiedere lo stato di calamita’ per i danni subiti. Anche nel capoluogo pioggia e grandine non hanno dato tregua: molte strade allagate, e anche qualche situazione di pericolo come nel caso del sottopasso del rione Isola completamente invaso dall’acqua e dalla grandine. Anche alla festa provinciale della Lega, in corso a Vercelli, gazebo volati via, tavoli rovesciati e diversi danni.

La grandinata ha causato danni anche alle colture di riso e mais. Ad essere maggiormente colpite sono state le risaie nella zona tra Stroppiana, Motta de’ Conti, Montonero, Casanova Elvo, Cascine Stra e Caresanablot; problemi anche per cascine, prefabbricati e tettoie delle aziende agricole. La quantificazione dei danni per ora non e’ possibile. “Molto – spiega il presidente di Ente Risi, Paolo Carrà – dipende dalla varietà, dal periodo di semina e dallo stato vegetativo in cui si trovava la piantina nel momento in cui è stata colpita dalla grandine. Se la pianta era già nella fase di riproduzione, allora il danno potrebbe essere ingente, ma si vedrà nel momento di fuoriuscita della pannocchia. Se invece la crescita della piantina era indietro, allora il danno potrebbe essere piu’ contenuto“. Il rischio è che si possa verificare una produzione minore di riso nelle zone interessate dai chicchi di grandine, che in alcuni casi hanno raggiunto la dimensione di mandarini.

Maltempo, grandinata apocalittica a Turbigo [VIDEO]