Maltempo, nubifragio e grandine si abbattono su Milano: esonda il Seveso [FOTO]

Un violento nubifragio si è abbattuto su Milano e sull'hinterland metropolitano: il Seveso è esondato in più punti

  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Foto LaPresse - Mourad Balti Touati
22/06/2019 Milano (Ita)
Cronaca
Esondazione del Seveso in zona Niguarda, viale suzzani, via Valfurva
Nella foto: esondazione seveso in zona niguarda
    Foto LaPresse - Mourad Balti Touati 22/06/2019 Milano (Ita) Cronaca Esondazione del Seveso in zona Niguarda, viale suzzani, via Valfurva Nella foto: esondazione seveso in zona niguarda
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
/
MeteoWeb

Un violento nubifragio si è abbattuto, intorno alle 9, su Milano e sull’hinterland metropolitano. A tratti, oltre alla pioggia battente, ha anche grandinato. Tombini e cantine si sono allagate e molte sono state le chiamate ai Vigili del fuoco e alla Polizia Locale. Il fiume Seveso è esondato per ben due volte in diverse strade del quartiere di Niguarda. Il Comune già da ieri pomeriggio, in attesa dei previsti temporali che questa mattina si sono abbattuti sulla città, aveva iniziato a monitorare la situazione, che si è normalizzata nel pomeriggio quando è spuntato il sole.

Dopo l’esondazione del Seveso a MILANO e dopo le forti piogge di questa mattina “continuiamo a non imparare la lezione: per una città che si dica resiliente, occorre programmare, e soprattutto realizzare, investimenti che puntino a ripristinare la funzionalità idraulica del territorio“. Lo afferma Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia. Per Meggetto questo “non significa inseguire solo soluzioni salvifiche di grandi opere, siano essi canali di gronda o vasche, che sono necessarie ma non sufficienti, ma ripristinare la permeabilità dei suoli e il reticolo idrico, a partire dalle principali aste torrentizie, che devono essere risanate e riportate alla superficie della città per limitare l’effetto-imbuto che è all’origine di esondazioni come quelle di oggi, oltre che per permettere a questi ambienti idrici di tornare a svolgere una funzione anche nella mitigazione degli eccessi climatici della città”.