Maltempo, tromba d’aria a Fiumicino: delibera dello stato di calamità [FOTO]

"Un atto necessario per chiedere alla Regione Lazio l'erogazione di un contributo pari a 2,6 milioni di euro necessari agli interventi per sanare i gravissimi danni" della tromba d'aria del 28 luglio

  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
  • vincenzo livieri/LaPresse
    vincenzo livieri/LaPresse
/
MeteoWeb

Come anticipato, oggi ho convocato una seduta di giunta per deliberare lo stato di calamità”. Lo dichiara il sindaco Esterino Montino. ”Un atto necessario per chiedere alla Regione Lazio l’erogazione di un contributo pari a 2,6 milioni di euro necessari agli interventi per sanare i gravissimi danni arrecati alle abitazioni e alle aziende dalla tromba d’aria che all’alba del 28 luglio scorso ha attraversato Focene – continua il sindaco – I fondi serviranno anche a contribuire alle spese che il Comune ha già sostenuto e sta sostenendo in questi giorni per la rimozione dei rifiuti e dei detriti provocati dall’eccezionale evento”. ”Adesso la delibera sarà inviata immediatamente alla Regione – conclude Montino – a cui chiederemo di stringere i tempi il più possibile e dichiarare lo stato di calamità”.