Messico: le macerie dopo la strage al mercato pirotecnico di Tultepec [GALLERY]

  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
/
MeteoWeb

E’ salito a 36 il bilancio dei morti delle esplosioni avvenute in un mercato di fuochi d’artificio in Messico. Sono 46 invece i feriti ricoverati in ospedale, cinque dei quali gravi. Lo hanno reso noto le autorità del paese, precisando che al momento solo 13 vittime sono state riconosciute dalle famiglie, mentre per le altre sarà necessaria il test del Dna, che potrebbe richiedere giorni o addirittura settimane. Tra i feriti più gravi una ragazza di 13 anni che ha riportato ustioni gravi in tutto il corpo.

L’incidente è avvenuto nel mercato di San Pablito di Tultepec, ad una quarantina di chilometri a nord di Città del Messico, dove espongono la loro merce circa 300 banchi e si vende circa l’80% dei fuochi artificio acquistati nel Paese. Il presidente Enrique Pena Nieto ha scritto un messaggio su Twitter in cui si esprime il cordoglio per le vittime e “l’augurio di una pronta guarigione per i feriti”.