Meteo, il ciclone Kenneth verso un catastrofico landfall in Mozambico con piogge torrenziali, Storm Surge e venti distruttivi [FOTO e VIDEO]

Dopo aver colpito le Comore con forti piogge, aumento della marea e raffiche di vento di 233km/h, il ciclone Kenneth punta il nord del Mozambico: quasi 700.000 persone a rischio

  • Credit: NASA WorldView
    Credit: NASA WorldView
  • Credit: WMO TW
    Credit: WMO TW
/
MeteoWeb

Il ciclone tropicale Kenneth si dirige verso un catastrofico landfall nel nord del Mozambico a poco più di un mese dai devastanti effetti del ciclone Idai, che ha ucciso 1.007 persone in 4 stati diversi e sommerso ampie zone del centro del Paese. Kenneth si è rapidamente intensificato dalla categoria 1 alla 4 e ora punta la provincia di Cabo Delgado, nel nord del Mozambico. Mentre si avvicina alla costa, Kenneth potrebbe perdere un po’ di intensità ma resterà comunque il ciclone più forte a colpire questa zona del Mozambico nella storia recente. Non ci sono infatti registrazioni di un ciclone tropicale dell’intensità di un uragano nella provincia di Cabo Delgado nel database della NOAA.

L’occhio di Kenneth dovrebbe compiere il landfall circa 100km a nord della città di Pemba, abitata da circa 200.000 persone. LAM, compagnia aerea nazionale del Mozambico, ha sospeso i voli tra la capitale Maputo e Pemba, secondo quanto riportato da Africa News. L’Istituto Nazionale per la Gestione dei Disastri del Mozambico (INGC) ha informato che trasferirà le attrezzature di soccorso, inclusi elicotteri e imbarcazioni prima riservati alle vittime del ciclone Idai, nella provincia di Cabo Delgado, dove è atteso il landfall di Kenneth. L’INGC stima che quasi 700.000 persone sono a rischio, di cui 112.000 potrebbero essere colpiti da venti di intensità di uragano.

Poiché i venti soffiano in senso orario intorno ai cicloni tropicali nell’emisfero meridionale, questo landfall potrebbe produrre un innalzamento della marea di 3-5 metri nel punto di landfall e a sud di esso, secondo il Centro Cicloni Tropicali di Météo France a La Réunion, che rilascia le previsioni ufficiali per i cicloni tropicali in questa parte dell’Oceano Indiano. Venti distruttivi fino a 200km/h si svilupperanno in prossimità della località del landfall e saranno in grado di distruggere le case mal costruite, ma anche di danneggiare tutte le altre, abbattendo alberi e linee elettriche. Potrebbero verificarsi frane che metteranno in pericolo coloro che vivono sulle colline nella provincia di Cabo Delgado.

Purtroppo dopo aver toccato terra, Kenneth rallenterà e potrebbe rimanere in stallo sulla terraferma. I cicloni in lento movimento o in stallo sono conosciuti per le loro capacità di scaricare ingenti quantità di pioggia. Una fascia del Mozambico potrebbe ricevere 250-500mm di pioggia fino al weekend del 27-28 aprile, innescando diffuse alluvioni potenzialmente letali. Pemba potrebbe ricevere 2-3 volte la quantità di pioggia tipica del mese di aprile (127mm). Alcune località potrebbero ricevere il 50% delle loro precipitazioni annuali nell’arco di un paio di giorni. In Tanzania, le autorità hanno ordinato l’evacuazione dei residenti dalle aree meno elevate e la chiusura di scuole e uffici prima dell’arrivo del ciclone.

Intanto, Kenneth ha già colpito le Comore, un arcipelago con una popolazione di quasi 1 milioni di persone tra l’Africa continentale e il Madagascar, con forti piogge, aumento della marea e raffiche di vento di 233km/h, come dimostra il video in fondo all’articolo. 3 persone hanno perso la vita a causa della tempesta e numerose altre sono rimaste ferite. Come potete vedere nelle immagini contenute nella gallery a corredo dell’articolo, alcune baracche della capitale Moroni sono state distrutte e alberi e linee elettriche sono stati abbattuti. “I danni sono importanti”, ha dichiarato il Presidente Azali Assoumani in una conferenza stampa. “Case e strade sono danneggiate o distrutte”, ha scritto la Croce Rossa. Poliziotti e soldati sono stati impiegati per rimuovere i detriti e gli alberi caduti che bloccano le strade. I media locali riportano che aeroporti e scuole sono stati chiusi prima dell’arrivo di Kenneth.