Meteo Ferragosto 2016, nuove conferme sulla clamorosa ondata di freddo polare tra 11 e 14 Agosto [MAPPE]

  • Domenica 7 Agosto
    Domenica 7 Agosto
  • Lunedì 8 Agosto
    Lunedì 8 Agosto
  • Martedì 9 Agosto
    Martedì 9 Agosto
  • Mercoledì 10 Agosto
    Mercoledì 10 Agosto
  • Giovedì 11 Agosto
    Giovedì 11 Agosto
  • Venerdì 12 Agosto
    Venerdì 12 Agosto
  • Sabato 13 Agosto
    Sabato 13 Agosto
  • Domenica 14 Agosto
    Domenica 14 Agosto
  • Lunedì 15 Agosto
    Lunedì 15 Agosto
  • Martedì 16 Agosto
    Martedì 16 Agosto
  • Martedì 9 Agosto
    Martedì 9 Agosto
  • Mercoledì 10 Agosto
    Mercoledì 10 Agosto
  • Giovedì 11 Agosto
    Giovedì 11 Agosto
  • Venerdì 12 Agosto
    Venerdì 12 Agosto
  • Sabato 13 Agosto
    Sabato 13 Agosto
  • Martedì 9 Agosto
    Martedì 9 Agosto
  • Mercoledì 10 Agosto
    Mercoledì 10 Agosto
  • Giovedì 11 Agosto
    Giovedì 11 Agosto
  • Venerdì 12 Agosto
    Venerdì 12 Agosto
  • Sabato 13 Agosto
    Sabato 13 Agosto
  • Domenica 14 Agosto
    Domenica 14 Agosto
/
MeteoWeb

Il maltempo – seppur estremo – che in questo primo weekend di Agosto sta colpendo l’Italia, potrebbe rivelarsi soltanto un piccolo assaggio di ciò che poi si verificherebbe la prossima settimana, nei giorni immediatamente precedenti al Ferragosto. Il condizionale è ancora d’obbligo, non solo per il fatto che si tratta di una previsione ad oltre 4-5 giorni di distanza, ma anche perchè i modelli continuano a prospettare scenari davvero clamorosi e anomali per il mese di Agosto, su cui è meglio mantenere la cautela. Dopotutto di aggiornamento in aggiornamento, tutte le mappe continuano a mantenere intatta la tendenza designata già dai giorni scorsi. Quella clamorosa, di un’ondata di freddo polare diretta proprio sull’Italia tra 11 e 14 Agosto.

La mappe che pubblichiamo nella gallery a corredo dell’articolo sono appena sfornate: è l’ultimo aggiornamento del modello britannico ECMWF con la situazione sinottica, quella barica e le temperature al suolo. Il maltempo, quindi, non abbandonerà l’Italia dopo questa “rottura” in atto, ma si intensificherà ulteriormente con temperature in ulteriore calo, al punto che potrebbe arrivare persino la neve a quote assurde per l’estate, addirittura sotto i 1.500 metri di altitudine sia sulle Alpi che sul versante orientale dell’Appennino centrale. E anche al Sud, sotto i 2.000 metri di quota quindi sulle vette più alte dei rilievi.

Continuate a seguirci per ulteriori aggiornamenti che intensificheremo proprio in vista di una situazione meteo così significativa. Di seguito i links utili per monitorare la situazione in tempo reale nelle pagine di MeteoWeb del nowcasting: