Meteo Giro d’Italia: in Sardegna tre tappe all’insegna del grande caldo, ma attenzione ai forti venti

  • Le temperature previste ad 850hPa (circa 1.500 metri di altitudine) per le ore centrali della giornata di Venerdì 5 Maggio
    Le temperature previste ad 850hPa (circa 1.500 metri di altitudine) per le ore centrali della giornata di Venerdì 5 Maggio
  • Le temperature previste ad 850hPa (circa 1.500 metri di altitudine) per le ore centrali della giornata di Sabato 6 Maggio
    Le temperature previste ad 850hPa (circa 1.500 metri di altitudine) per le ore centrali della giornata di Sabato 6 Maggio
  • Le temperature previste ad 850hPa (circa 1.500 metri di altitudine) per le ore centrali della giornata di Domenica 7 Maggio
    Le temperature previste ad 850hPa (circa 1.500 metri di altitudine) per le ore centrali della giornata di Domenica 7 Maggio
/
MeteoWeb

Mancano solo due giorni all’attesissimo “start” del Giro d’Italia n° 100: si parte Venerdì 5 Maggio da Alghero per la prima tappa, subito vera, un percorso di 206km nel nord dell’isola, fino ad Olbia. Poi Sabato 6 Maggio da Olbia a Tortolì le difficoltà aumentano lungo il versante tirrenico dell’isola, verso Sud, percorrendo 221km con la prima vera salita, il Passo di Genna Silana (Gran Premio della Montagna di 2ª categoria), ad appena 48km dal traguardo, trampolino di lancio ideale per qualche colpo degli attaccanti. Infine, Domenica 7 Maggio terza e ultima tappa Sarda da Tortolì a Cagliari, 148km abbastanza facili su un percorso ideale per un volatone di gruppo e quindi per i (pochi) velocisti presenti alla corsa rosa.

Attenzione, però, alle condizioni meteorologiche che potranno pesantemente segnare la corsa in questi primi tre giorni di gara. Il meteo sarà molto caldo e ventoso. I corridori, quindi, potranno soffrire le temperature elevate (soprattutto Sabato, superiori ai +30°C tra Olbia e Tortolì) e i forti venti potranno spezzare il gruppo in più tronconi, con i classici “ventagli”. I big, quindi, dovranno subito mostrare particolare attenzione (con il supporto della squadra) a non perdere tempo che potrebbe poi rivelarsi prezioso, già a partire dai primi chilometri della prima tappa, tra Sassari, Santa Teresa di Gallura e Portisco, 140km lungo la costa che si prospettano sferzati da venti sempre superiori ai 35km/h con raffiche fino a 70km/h, in molti tratti laterali rispetto al percorso del gruppo. A 21km dal traguardo, dopo il tratto più difficile di costa spazzata dal vento (50km da Santa Teresa di Gallura fino al bivio di Arzachena), i corridori dovranno affrontare la salita di San Pantaleo, 2 chilometri con una pendenza media del 6% e punte del 12%. Ecco perchè già dal primo giorno la corsa potrebbe infiammarsi.

Il vento e il caldo potranno trasformare le prime due tappe in veri e propri “tapponi”, duri e faticosi molto più del previsto. Sembra più semplice per l’altimetria pianeggiante e la breve durata, la terza tappa fino al traguardo di Cagliari. Ma anche qui potremo avere, Domenica 7 Maggio, forti raffiche di vento a compromettere la giornata dei corridori.

Giro d’Italia: la startlist ufficiale della corsa in corsa, ecco i ciclisti italiani in gara