Meteo Weekend: forte maltempo al centro-nord, più soleggiato al sud e in Sicilia [DETTAGLI]

  • Anomalie Termiche Domenica 15 Maggio
    Anomalie Termiche Domenica 15 Maggio
  • Anomalie Termiche Lunedì 16 Maggio
    Anomalie Termiche Lunedì 16 Maggio
  • Anomalie Termiche Martedì 17 Maggio
    Anomalie Termiche Martedì 17 Maggio
  • Anomalie Termiche Mercoledì 18 Maggio
    Anomalie Termiche Mercoledì 18 Maggio
  • Taranto
    Taranto
  • Reggio Calabria
    Reggio Calabria
  • Napoli
    Napoli
  • Anomalie Termiche Lunedì 16 Maggio
    Anomalie Termiche Lunedì 16 Maggio
  • Anomalie Termiche Martedì 17 Maggio
    Anomalie Termiche Martedì 17 Maggio
  • Anomalie Termiche Mercoledì 18 Maggio
    Anomalie Termiche Mercoledì 18 Maggio
  • Anomalie Termiche Giovedì 19 Maggio
    Anomalie Termiche Giovedì 19 Maggio
/
MeteoWeb

In questo momento il flusso perturbato principale scorre a latitudini piuttosto basse per la stagione, causa la presenza fra il mar di Norvegia e la limitrofa costa norvegese di una ampia circolazione depressionaria, alimentata da aria piuttosto fredda, di tipo polare marittima, in discesa dall’Artico norvegese. Lungo il bordo più occidentale di questa circolazione depressionaria scorre un ramo discendente del “getto polare” che dal nord Atlantico, dopo essere passato fra le Isole Britanniche e il mar del Nord, tende a versarsi sul bacino centro-occidentale del Mediterraneo, innescando condizioni di spiccata instabilità sulle nostre regioni più settentrionali.

POPLEX.2016134.aqua.1kmQuesto tipo di impianto configurativo, piuttosto statico, continuerà ad influenzare le condizioni atmosferiche del weekend, con un dominio dell’instabilità sulle nostre regioni centro-settentrionali e durante le ore pomeridiane sulle aree montuose interne dell’Appennino centrale, dove grazie al contributo dell’insolazione diurna si potranno sviluppare dei temporali di calore, alcuni anche piuttosto sviluppati.

Nel corso della giornata di domani, sabato 14 Maggio 2016, con il lento spostamento verso levante della circolazione depressionaria a carattere freddo attualmente posizionata davanti le coste norvegesi, il blocco di aria fredda, polare marittima, affluito sul mar del Nord e sulla Danimarca, tenderà a versarsi fra la Germania e la Polonia occidentale, determinando un brusco calo delle temperature e un ulteriore intensificazione del “gradiente termico verticale” che nelle ore centrali del giorno agevolerà lo sviluppo di diversi temporali di origine “termoconvettiva”, pronti a dare origine a forti rovesci e occasionali grandinate.

AERONET_ETNA.2016134.aqua.1kmSul bacino centrale del Mediterraneo e sulle nostre regioni insisterà una circolazione di aria umida e moderatamente instabile dai quadranti occidentali che continuerà a mantenere condizioni di instabilità diffusa, particolarmente accentuata durante le ore pomeridiane sui rilievi del centro-nord. Solo sulle regioni di nord-ovest e sulle nostre aree più meridionali, inclusa la Sicilia, avremo maggiori condizioni di stabilità relativa, causa il temporaneo aumento dei valori di geopotenziale in quota e il contemporaneo afflusso di aria un po’ più secca che favorirà una maggiore stabilizzazione della colonna atmosferica.

Prognose_20160513Domenica 15 Maggio 2016, con il graduale spostamento verso levante dell’anticiclone delle Azzorre, l’intera circolazione depressionaria, estesa dalla Scandinavia fino alle nostre regioni più settentrionali, si sposterà lentamente verso est, presentandosi con un minimo depressionario in quota colmo di aria fredda polare marittima che inasprirà le condizioni di instabilità su buona parte delle nostre regioni settentrionali, per il conseguente rafforzamento del “gradiente termico verticale” fra media e bassa troposfera che accentuerà il “forcing” convettivo, soprattutto nelle ore centrali del giorno.

Rt850m3PREVISIONI

SABATO 14 MAGGIO 2016

Al mattino cieli per lo più nuvolosi o molto nuvolosi sulle regioni settentrionali, con rischio di piogge sparse e di locali rovesci che soprattutto in tarda mattinata dovrebbero colpire la Lombardia, l’Emilia-Romagna, il Trentino, il Veneto e il basso Friuli. Prevalenza di cieli nuvolosi o molto nuvolosi anche sulle regioni centrali, specie dalla tarda mattinata quando delle piogge e dei rovesci potrebbero bagnare la Sardegna, il Lazio, la Campania, l’Umbria e il nord della Calabria tirrenica. Rischio di temporali fra Lazio e coste campane. Maggiori spazi soleggiati sulle rimanenti regioni, con cieli parzialmente nuvolosi o poco nuvolosi.

Nel pomeriggio lento miglioramento al nord-ovest e sulla Liguria, con l’arrivo di schiarite sempre più ampie dalla serata. Nel corso del pomeriggio si intensificherà l’instabilità sulle nostre regioni di nord-est, con piogge, rovesci e persino temporali, maggiormente diffusi e intensi fra il Veneto e il Friuli Venezia Giulia. Non prima di sera si assisterà ad un miglioramento, con la graduale attenuazione delle precipitazioni. Maggiori schiarite in apertura fra Piemonte, Lombardia e Liguria. Nel pomeriggio dei temporali, a tratti intensi, ma molto localizzati, si potranno formare sulle aree più interne dell’Appennino centrale, per poi sconfinare sulle aree più interne di Marche, Abruzzo e Molise. In serata attenuazione dei fenomeni su tutte le regioni con l’apertura di ampie schiarite.

martedì 17 maggioDOMENICA 15 MAGGIO 2016

Al mattino cieli sereni o poco nuvolosi sul nord-ovest e sulla Liguria, con clima mite e soleggiato. Ancora marcata instabilità sul nord-est e sull’Emilia-Romagna, dove insisteranno nubi e associate precipitazioni a carattere sparso. Un po’ di instabilità insisterà anche sulle regioni centrali e su parte di quelle meridionali, con annuvolamenti cumuliformi ad evoluzione diurna in sviluppo sui rilievi dell’Appennino centrale durante la tarda mattinata. Maggiori spazi soleggiati, alternati al passaggio di nubi medio-alte, si vedranno sulle nostre regioni centro-meridionali.

Nel pomeriggio persiste l’instabilità al nord-est con piogge e locali temporali che bagneranno l’Emilia-Romagna, l’est della Lombardia, il Veneto e il Friuli Venezia Giulia. Fenomeni che si attenueranno sensibilmente nelle ore serali. Sempre durante il pomeriggio dei temporali di calore si potranno formare fra la Toscana, l’Umbria, le Marche e i monti di Lazio, Abruzzo e Molise. Questi fenomeni si attenueranno non prima di sera. Tempo maggiormente stabile sulle regioni meridionali e sulla Sicilia.

Punta Sabbioni veneto shelf cloud foto di riccardo nardiTEMPERATURE

Sono previste in lieve aumento sulle regioni meridionali, in diminuzione le minime da domenica sulle regioni settentrionali.

VENTI

Spireranno da deboli a moderati dai quadranti occidentali, presentando locali rinforzi sulle Bocche di Bonifacio, parte del Tirreno centrale, Tirreno meridionale e sul Canale di Sardegna. Domenica sostenuti venti occidentali sono attesi pure sulla Sardegna, mentre una ventilazione da N-NE si attiverà sulle coste adriatiche centrali, fra Romagna, Marche ed Abruzzo.

MARI

Da poco mossi a mossi, fino a molto mossi a largo parte del Tirreno centrale, Tirreno meridionale e il Canale di Sardegna.

Per monitorare la situazione in tempo reale ecco le pagine relative al nowcasting: