Mostra “Mito e Natura”: cinque domus aperte a Pompei [FOTO]

  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
  • LaPresse/Marco Cantile
    LaPresse/Marco Cantile
/
MeteoWeb

Dopo Milano, arriva a Napoli la mostra “Mito e natura“: Pompei apre le porte di cinque domus, ma soprattutto dei loro giardini. Il percorso espositivo parte dagli scavi più famosi al mondo, che nella piramide costruita nell’anfiteatro ospitano una selezione di affreschi a tema provenienti dal Museo archeologico nazionale di Napoli, per proseguire al Museo dove si può ammirare l’affresco della tomba del tuffatore a Paestum, esposto per la prima volta in un luogo diverso da quello da cui proviene. Le piante tornano a decorare la casa del Frutteto, i praedia di Giulia Felice, la domus della Venere in conchiglia, quella di Loreio Tiburtino e la casa di Marco Lucrezio in via Stabiana. Restauri strutturali e delle decorazioni, il recupero del giardino, sono stati resi possibili nell’ambito del Grande progetto Pompei.