Nadia Toffa, morta a 40 anni per un tumore: era ricoverata a Brescia da inizio Luglio

Nadia Toffa era ricoverata da inizio Luglio alla Domus Salutis di Brescia: è morta questa mattina alle 07:39 nella clinica

  • LaPresse/Mattia Gravili
    LaPresse/Mattia Gravili
  • Credit Piero Cruciatti / LaPresse
    Credit Piero Cruciatti / LaPresse
  • Credit Piero Cruciatti / LaPresse
    Credit Piero Cruciatti / LaPresse
  • Spada/LaPresse
    Spada/LaPresse
  • LaPresse/Stefano de grandis
    LaPresse/Stefano de grandis
  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto
    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto
  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto
    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
/
MeteoWeb

Nadia Toffa, scomparsa oggi a soli 40 anni, era ricoverata da inizio luglio alla Domus Salutis di Brescia: è morta questa mattina alle 07:39 nella clinica.
Le condizioni di salute della conduttrice de “Le Iene” si erano aggravate a maggio e agli amici aveva riferito di sentirsi debole.

Nadia Toffa: nel dicembre 2017 il malore e il ricovero a Trieste

Nadia Toffa, l’amata conduttrice tv de “Le Iene”, morta oggi per un tumore, aveva avuto un malore il 2 dicembre 2017 a Trieste, intorno alle 13:45, mentre si trovava nella hall dell’hotel Victoria. I soccorsi erano stati immediati ed era stata ricoverata in Terapia intensiva dell’ospedale di Cattinara, dove le sue condizioni erano apparse subito gravi. Nella tarda serata era stata trasportata con elisoccorso all’ospedale San Raffaele di Milano.
La conduttrice – scriveva Il Piccolo di Trieste – era stata trovata dai sanitari priva di coscienza e in condizioni gravi, ed era stata trasportata in estrema emergenza al nosocomio triestino, dove era scattato il ricovero in Terapia intensiva. Il primo bollettino medico diramato dall’AsuiTs parlava di prognosi riservata per patologia cerebrale in fase di definizione, il secondo, diffuso in tarda serata, aveva confermato l’avvenuto trasferimento, e definito le condizioni di Nadia “stazionarie” ma gravi.
La notizia del malore aveva fatto immediatamente il giro del web. I colleghi delle Iene avevano scritto su Facebook: “La nostra Nadia non è stata bene. Ci stiamo tutti prendendo cura di lei. Vi terremo informati“.

Nadia ha provato a trasformare il cancro “in un dono, un’occasione, un’opportunità“, aveva scritto nel suo libro “Fiorire d’Inverno”, attirandosi critiche sul web, ma anche tanta vicinanza e il plauso del mondo della scienza per l’invito ai malati a seguire le uniche cure certe, la chemio e la radioterapia.

Nata a Brescia il 10 giugno 1979, dopo il debutto nell’emittenza locale Nadia Toffa era diventata inviata delle Iene nel 2009, partecipando a importanti inchieste sulle truffe ai danni del servizio sanitario nazionale, sulle slot machine, sullo smaltimento del traffico di rifiuti illegali in Campania, sull’Ilva di Taranto, sull’infanzia violata.

Addio a Nadia Toffa: “Niente sarà più come prima”

Nadia ToffaLa conduttrice e inviata de “Le Iene” ha perso la sua battaglia contro il cancro. Aveva 40 anni.
Due anni fa, a seguito di un grave malore, aveva scoperto di essere malata. Da allora ha affrontato il suo calvario con il sorriso.

Ecco il post su Facebook pubblicato sul profilo de “Le Iene” questa mattina:

E forse ora qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, NON PERDE MAI.
Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all’ultimo, fino a oggi.
D’altronde nella vita hai lottato sempre.
Hai lottato anche quando sei arrivata da noi, e forse è per questo che ci hai conquistati da subito. È stato un colpo di fulmine con te, Toffa. È stato tanto facile piacersi, inevitabile innamorarsi, ed è proprio per questo che è così difficile lasciarsi.
Il destino, il karma, la sorte, la sfiga ha deciso di colpire proprio te, la NOSTRA Toffa, la più tosta di tutti, mentre qualcuno non credeva alla tua lotta, noi restavamo in silenzio e tu sorridevi.

Sei riuscita a perdonare tutti, anche il fato, e forse anche il mostro contro cui hai combattuto senza sosta… il cancro, che fino a poco tempo fa tutti chiamavano timidamente “IL male incurabile” e che, anche grazie alla tua battaglia, adesso ha un nome proprio.
“Non bisogna vergognarsi di guardarlo in faccia e chiamarlo per nome il bastardo, – dicevi – che magari si spaventa un po’ se lo guardi fisso negli occhi”.

E dato che sei stata in grado di perdonare l’imperdonabile, cara Nadia, non ci resta che sperare con tutto il cuore che tu sia riuscita a perdonare anche noi, che non siamo stati in grado di aiutarti quanto avremmo voluto.
Ed ecco le Iene che piangono la loro dolce guerriera, inermi davanti a tutto il dolore e alla consapevolezza che solo il tuo sorriso, Nadia, potrebbe consolarci, solo la tua energia e la tua forza potrebbero farci tornare ad essere quelli di sempre.
Niente per noi sarà più come prima.”

Nadia Toffa: l’ultimo post col sorriso, “vi bacio tutti”

Nadia ToffaFiorire d’inverno“, nel periodo più difficile dell’anno: questo il titolo che Nadia Toffa aveva scelto per il suo libro, uscito a ottobre scorso per Mondadori, in cui aveva raccontato la battaglia contro il tumore provando a lanciare un messaggio di rinascita e di speranza.

Io e Totò unite contro l’afa.. e dalle vostre parti come va? Vi bacio tutti, tutti, tutti“: è l’ultimo post su Facebook, del 1° luglio. La conduttrice si ritraeva sorridente con un selfie abbracciata al suo cane bassotto dal divano di casa. Poi il silenzio.