Meteo Italia: nelle prossime ore rischio violenti fenomeni all’estremo Sud, nel prosieguo l’inverno si avvia alla conclusione

/
MeteoWeb

La perturbazione atlantica che ha interessato la nostra Penisola nelle prossime ore completerà il suo transito arrecando gli ultimi fenomeni all’estremo Sud tra Calabria e Sicilia ionica. A causa dei contrasti termici non sono esclusi fenomeni estremi. Le temperature sono crollate soprattutto al Centro/Nord per il richiamo piuttosto freddo da Nord/NE. Dando uno sguardo all’inizio della prossima settimana possiamo confermare il transito di un nuovo fronte instabile che andrà interessare le regioni centro/settentrionali apportando altri intensi fenomeni con il rischio di mareggiate sulle coste liguri. Le regioni meridionali in questa fase saranno più protette da un leggero richiamo caldo da Sud. Una seconda perturbazione più moderata è attesa nel fine settimana a partire da sabato 4 marzo, il rallentamento della corrente a getto contribuirà a scavare una saccatura sull’Europa occidentale, pronta a pilotare sull’Italia un flusso di correnti miti meridionali associate ad un’intensa fase di maltempo che si concentrerà soprattutto sul versante tirrenico centro/meridionale e sulle regioni settentrionali. Il Nord Italia sarà più esposto a masse d’aria fredda di origine polare/marittima con la neve che cadrà copiosamente su Alpi e Prealpi a partire dai 1000/1200 metri. Insomma la primavera meteorologica è vicina e l’inverno si avvia dolcemente e mestamente alla conclusione perchè è la natura a decidere “sempre” quale strada intraprendere, quella meno dispendiosa..