Previsioni Meteo Pasqua e Pasquetta 2017, clamorosa virata fredda dei modelli: torna l’inverno proprio tra Domenica 16 e Lunedì 17!!!

  • Lunedì 17 Aprile - Giorno di Pasquetta
    Lunedì 17 Aprile - Giorno di Pasquetta
  • Lunedì 10 Aprile
    Lunedì 10 Aprile
  • Martedì 11 Aprile
    Martedì 11 Aprile
  • Mercoledì 12 Aprile
    Mercoledì 12 Aprile
  • Giovedì 13 Aprile
    Giovedì 13 Aprile
  • Venerdì 14 Aprile
    Venerdì 14 Aprile
  • Sabato 15 Aprile
    Sabato 15 Aprile
  • Domenica 16 Aprile - Giorno di Pasqua
    Domenica 16 Aprile - Giorno di Pasqua
  • Lunedì 17 Aprile - Giorno di Pasquetta
    Lunedì 17 Aprile - Giorno di Pasquetta
  • Martedì 18 Aprile
    Martedì 18 Aprile
  • Mercoledì 19 Aprile
    Mercoledì 19 Aprile
/
MeteoWeb

Previsioni Meteo Pasqua e Pasquetta 2017 – Clamorosa virata fredda dei principali modelli previsionali per Pasqua e Pasquetta: negli ultimi aggiornamenti, lo statunitense GFS sembra accodarsi all’europeo ECMWF che per l’ennesima volta si conferma il miglior modello per individuare con grande anticipo la tendenza esatta sul medio e lungo termine. Ovviamente manca ancora una settimana e la situazione rimane in bilico, ma in base agli ultimi aggiornamenti è evidente come rischiamo di avere un vero e proprio colpo di coda dell’inverno tra Domenica 16, Lunedì 17 e Martedì 18 Aprile, proprio in concomitanza con i giorni “clou” delle festività pasquali. Eppure fino a Sabato 15 Aprile avremo un forte anticiclone che garantirà sole e caldo per tutta la Settimana Santa. Sarà bel tempo dalle Alpi alla Sicilia, con temperature molto miti, quasi estive al Centro/Nord dove la colonnina di mercurio raggiungerà diffusamente i +27/+28°C, gradevoli anche al Centro/Sud con massime tra +21 e +23°C.

Il maltempo dovrebbe arrivare proprio nel giorno di Pasqua, Domenica 16 Aprile, a partire dal Centro/Nord, spostandosi nel pomeriggio/sera anche al Sud. Invece a Pasquetta, Lunedì 17, i fenomeni più estremi potrebbero interessare proprio il Centro/Sud, con freddo invernale e nevicate sull’Appennino, persino a quote collinari nelle zone terremotate del Centro.

Ovviamente si tratta soltanto di una prima tendenza a 7 giorni di distanza, nei prossimi aggiornamenti ne capiremo di più.