Previsioni Meteo, tra 26 e 27 Aprile tornano le grandi piogge sull’Italia: una manna contro la siccità

/
MeteoWeb

Previsioni Meteo – Si va confermando la fase di maltempo che interesserà tutto il Nord Italia nel corso della prossima settimana. La cosa riveste particolare importanza perché le precipitazioni, previste localmente con apporti anche elevati, potrebbero alleviare il problema della siccità divenuto ormai pesantissimo.

Tutto avrà inizio mercoledì 26 aprile con la formazione di un’area di basa pressione in corrispondenza del Golfo Ligure, con valori inferiori ai 1010 hPa. Ciò attirerà da Nord un afflusso di aria fredda con temperature prossime ai -30°C ai 5500 metri, per come ben evidenziato dalle mappe 500 hPa di GFS. Saranno questi gli ingredienti fondamentali per dare luogo ad un fase di tempo perturbato a carattere anche temporalesco che distribuirà precipitazioni dapprima sul Nord Ovest, già nella mattinata di mercoledì per poi proseguire interessando tutto l’arco alpino e l’entroterra con nevicate sulle Alpi intorno ai 1500 metri. Lo spostamento verso Est, sia pure lento del minimo, favorirà la traslazione dei fenomeni sul settore padano, determinando nel corso del giovedì 27 aprile fenomeni intensi su Veneto, Friuli e Trentino, le aree appunto interessate negli ultimi mesi dalla siccità. Le Dolomiti ritroveranno la neve a partire dai 1300 metri. Gli apporti dei fenomeni sul Nord-Est, lo ribadiamo, potranno risultare anche elevati e questo, al di là della criticità che può derivarne, appare di buon auspicio.

Il successivo ed ulteriore allontanamento del minimo verso Est porterà i fenomeni nel pomeriggio di giovedì 27 ad interessare oltre al Nord-Est, anche una buona parte del Centro Italia con particolare riferimento al versante tirrenico.

Non mancheranno le piogge a partire dalla Toscana; le stesse discenderanno poi, nella nottata di venerdì, verso Lazio e Campania, arrivando fino sulla Calabria nella giornata di venerdì, in forma alquanto indebolita. Non sono da escludere deboli nevicate sui rilievi appenninici più elevati ad altezza prossima ai 1800– 2000 metri, mentre sulle Alpi nevicherà copiosamente a quote un po’ più basse. Temperature in calo anche di circa 7-8°C rispetto ai prossimi giorni di bel tempo, in particolare nelle aree interessate dai temporali, in un contesto nuovamente fresco soprattutto al Nord.