“Red Sprites” in alta definizione: gli incredibili effetti dei raggi cosmici nei cieli della Lombardia [FOTO]

Incredibile fenomeno elettrico nei cieli del Nord Italia il 6 agosto 2019, quando un violento temporale ha interessato la Lombardia: ecco i "red sprites", effetto dei raggi cosmici

  • red sprites fotografati da Roger Spinner il 6 agosto 2019
    red sprites fotografati da Roger Spinner il 6 agosto 2019
  • red sprites fotografati da Roger Spinner il 6 agosto 2019
    red sprites fotografati da Roger Spinner il 6 agosto 2019
  • Fulmini nel Nord Italia il 6 agosto 2019
    Fulmini nel Nord Italia il 6 agosto 2019
  • red sprites fotografati da Roger Spinner il 6 agosto 2019
    red sprites fotografati da Roger Spinner il 6 agosto 2019
/
MeteoWeb

“Red Sprites” in alta definizione sui cieli del Nord Italia quando, il 6 agosto 2019, un violento temporale ha interessato la Lombardia. Il fenomeno elettrico che avviene nell’atmosfera ricca di particelle elettricamente cariche è stato filmato e fotografato dallo svizzero Roger Spinner, che gestisce l’Osservatorio Montsevelier, come dimostra la sua foto pubblicata sul sito spaceweather.com.

Secondo la NASA, i raggi cosmici si stanno intensificando e quello osservato da Roger Spinner, in Svizzera, è un probabile effetto collaterale. I“red sprites” sono scariche elettriche che avvengono sopra le nubi temporalesche più intense, verso la ionosfera. Si tratta di fenomeni difficili da studiare in quanto si verificano in una zona di atmosfera difficilmente accessibile  alle sonde.

Come spiega Spinner, “Gli sprites rossi lampeggiavano sopra un temporale nel nord Italia a circa 215 km di distanza, afferma – Ho registrato un video HD del display utilizzando la mia Sony A7s.”

Fulmini nel Nord Italia il 6 agosto 2019

Mentre la tempesta infuriava sulla Lombardia, la macchina fotografica di Spinner è stata in grado di immortalare tre magnifici grappoli di folletti con dettagli rari. A forma di medusa, gli sprite erano alti più di 40 km e presentavano tentacoli viola che pendevano verso il temporale sottostante e teste rosse e folte che toccavano il bordo dello spazio. Sfere di luce rossa di poche centinaia di metri di diametro punteggiano la vita e i tentacoli della medusa.

“Per me, personalmente, questi scatti sono speciali“, afferma Spinner, che monitora gli sprites in Europa da oltre 7 anni. “Sebbene tre sprites di meduse in una sera non siano inusuali per un forte temporale, i video a colori degli sprite in qualità HD o 4K non sono stati possibili per molto tempo. La Sony A7s è entrata sul mercato solo pochi anni fa.”

Le radiazioni dallo spazio profondo si stanno intensificando a causa del minimo solare, questo perché quando il Sole è calmo diminuisce l’intensità dei campi magnetici interplanetari, che frenano i raggi cosmici provenienti dalla Galassia. Durante questa fase del ciclo solare, i raggi cosmici penetrano dunque più facilmente nelle deboli difese magnetiche del sole ed entrano nell’atmosfera terrestre più del solito. Secondo alcuni scienziati i raggi cosmici extra forniscono la “scintilla” ionizzante che innesca gli sprite.

Inoltre i sistemi convettivi mesoscali con forti fulmini tendono a produrre i migliori sprite: le tempeste lontane, ironicamente, possono essere le più fotogeniche. Una distanza di cento chilometri o più consente infatti alla telecamera di Spinner di vedere sopra la testa del tuono e catturare delle immagini più precise e complete.

“Anche se sai esattamente dove sono i temporali e dove possono verificarsi gli sprite, è sempre una sorpresa quale tipo di spettacolo la natura ti offra davvero“, afferma Spinner.

Sullo stesso argomento:

Spettacolari “Sprites” rosa sui cieli del Sud: le immagini

L’uragano Matthew e il grande mistero dei “red sprites” [GALLERY]