Si risveglia il vulcano Piton de la Fournaise, fontane di lava di 30 metri: l’eruzione vista anche dallo spazio [FOTO e VIDEO]

Si sono aperte almeno 4 fessure eruttive con fontane di lava alte 30 metri sul versante meridionale e sudorientale del cratere Dolomieu del vulcano Piton de la Fournaise nella seconda eruzione in un anno. Le immagini

  • Credit: OVPF-IPGP
    Credit: OVPF-IPGP
  • Credit: OVPF-IPGP
    Credit: OVPF-IPGP
  • Credit: OVPF-IPGP
    Credit: OVPF-IPGP
  • Credit: OVPF-IPGP
    Credit: OVPF-IPGP
  • Credit: OVPF-IPGP
    Credit: OVPF-IPGP
/
MeteoWeb

Il Piton de la Fournaise, vulcano de La Réunion, isola francese nell’Oceano Indiano, è entrato in eruzione per la seconda volta quest’anno. Secondo l’osservatorio vulcanologico del Piton de la Fournaise (OVPF), “il tremore vulcanico, sinonimo dell’arrivo del magna vicino alla superficie, è localizzato vicino alla zona sommitale del massiccio vulcanico”. L’eruzione ha avuto luogo nella caldera centrale del vulcano, in una zona completamente disabitata. Non rappresenta, quindi, un pericolo per persone o beni.

Si sono aperte almeno 4 fessure eruttive con fontane di lava sul versante meridionale e sudorientale del cratere Dolomieu. Secondo quanto riportato dai media locali, le fontane di lava inizialmente avevano un’altezza di circa 30 metri, ma le cattive condizioni meteo hanno impedito osservazioni più dettagliate. Diversi flussi di lava hanno iniziato a viaggiare molto velocemente verso valle e sono visibili anche dallo spazio, fotografati grazie al satellite Sentinel Hub. Nelle immagini, che trovate nella gallery scorrevole in alto a corredo dell’articolo insieme ad altre foto dell’eruzione, si vede il campo di lava principale del vulcano. Alcuni bracci di lava, in seguito, hanno formato un grande delta di lava. In fondo all’articolo, due video dell’eruzione dall’alto.

La lava è sgorgata dalla terra dopo una crisi sismica durata una trentina di minuti. L’elevata attività sismica e il rigonfiamento delle ultime due settimane avevano fatto da precursori all’eruzione. Poche ore dopo l’ultima eruzione, i tremori hanno iniziato a diminuire fino a raggiungere ? del valore iniziale. Un fumo rosso sopra il massiccio vulcanico era visibile dalla costa meridionale dell’isola.

Questa eruzione arriva dopo un mese di maggio molto agitato. Lo scorso mese, l’osservatorio vulcanologico ha individuato più di 332 terremoti e 229 crolli nel massiccio, segno di un’attività vulcanica importante. La prima eruzione dell’anno risale al 19 febbraio ed è terminata il 10 marzo. In quell’eruzione, si sono aperte due nuove fessure. Situato nel sud-est de La Réunion, il Piton de la Fournaise è uno dei vulcani più attivi al mondo. È entrato in eruzione in una quindicina di occasioni nel corso degli ultimi 10 anni.