Roma e Parigi, spettacolo per i 60 anni dello storico gemellaggio [FOTO]

  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
  • LaPresse/Stefano Costantino
    LaPresse/Stefano Costantino
/
MeteoWeb
LaPresse/Stefano Costantino
LaPresse/Stefano Costantino

Sono iniziate le celebrazioni del sessantesimo anniversario del gemellaggio tra Roma e Parigi, rinnovato dalle due capitali europee. In Campidoglio sono presenti, insieme al commissario Francesco Paolo Tronca, tra gli altri: il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, il presidente del Senato Pietro Grasso, il prefetto Franco Gabrielli, il vicesindaco di Parigi Patrick Klugman e l’ambasciatrice di Francia in Italia Catherine Colonna. Tronca si è detto “onorato di celebrare” il gemellaggio. “Come non ricordare che lo scorso anno Parigi è stata colpita più volte dalla follia insensata del terrorismo – ha detto -, episodi che hanno ferito anche i romani. Cerimonie come questa sono permeate di un significato e di un valore forte: arrestare e contrastare, con determinazione, l’avanzata di quel nulla che tenta di macchiare la libertà dei popoli e il diritto alla vita. Oggi, più che mai, Roma intende rinnovare, nello spirito originario di fratellanza è unità, il gemellaggio con Parigi”. Klugman ha espresso la “gratitudine di Parigi per Roma, per la solidarietà dimostrata in tutte le maniere”. Per l’occasione sono stati illuminati artisticamente con i colori delle bandiere nazionali francese e italiana di Palazzo Senatorio, Palazzo dei Conservatori e Palazzo Nuovo. “Grazie alla collaborazione tecnica di Acea, il simbolo del ponte che unisce, evocato 60 anni fa nella stipula del gemellaggio, si rivestirà di una nuova luce con l’inaugurazione dell’illuminazione a led dei 16 ponti sul Tevere, un’opera che rientra nel piano giubilare – hanno spiegato dal Campidoglio -. Per l’occasione i Musei Capitolini e il Museo Napoleonico saranno aperti gratuitamente al pubblico dalle 17 alle 22”.