Ecco Sirena 85, il nuovo superyacht da sogno che incanta il mondo [GALLERY]

  • Immagine di repertorio
    Immagine di repertorio
/
MeteoWeb

Uno speciale evento al Miami Yacht Show 2018 è stato l’occasione per svelare i dettagli di Sirena 85, il nuovo superyacht di 26 metri in costruzione presso il cantiere navale della compagnia turca Sirena Yachts. Nella gallery a corredo dell’articolo, tutte le foto dell’ultima meravigliosa ammiraglia di Sirena Yachts: da restare a bocca aperta.

Il nuovo superyacht Sirena 85 è progettato da due dei migliori progettisti sulla scena internazionale: Frers Naval Architecture & Engineering per l’architettura navale e il design esterno, mentre Cor D. Rover Design si occuperà degli interni. Le linee Sirena 85 sono l’evoluzione dello stile elegante che ha sempre caratterizzato Sirena Yachts e della sua attenta cura alla disposizione e all’illuminazione di ogni spazio a bordo. Lo scafo è in fibra di vetro, mentre la sovrastruttura è in carbonio, che garantisce leggerezza e solidità. Il suo raggio di crociera sarà di oltre 4.000 km a 10 nodi.

Architettura navale e design esterno

L’architettura navale e il design esterno sono opera di German Frers e presentano aree esterne per godere a pieno dell’ambiente circostante. German Frers ha dichiarato: “Il nuovo e più grande componente della flotta rappresenta una continuazione del design e del programma di costruzione. Le caratteristiche dello scafo e il design sono un’evoluzione della sorella minore: bassa resistenza e uno scafo efficiente, con un minimo di consumo di carburante per tutti gli intervalli di velocità. La velocità massima sarà nell’ordine di 26 nodi, a seconda del gruppo motopropulsore finale selezionato tra le opzioni offerte. I volumi interni sono notevoli e inseriti in una suite principale di massima ampiezza sul ponte superiore, dotata di un balcone che si apre sul mare. Gli alloggi sono una suite padronale più 4 cabine nella suite, una delle quali è una suite per ospiti VIP molto grande. Il ponte totalmente attrezzato è indipendente e separato dal resto degli alloggi interni, con accesso diretto al doppio timone sull’ampio flybridge”.

La piscina sul ponte anteriore è degna di nota, con accesso privato per il proprietario direttamente dalla sua suite. In quest’area il proprietario può optare per una spaziosa area dove prendere il sole, dotata di un tavolo da colazione. Il flybridge è quasi completamente protetto da un tettuccio retrattile. Qui abbiamo una postazione di comando, un tavolo per 10 persone, un bar e una cambusa completamente attrezzati e una spaziosa area relax a poppa, con divani che si trasformano in piattaforme per prendere il sole.

Interni

Ci sono due differenti versioni degli interni progettati da Cor D. Rover. Presentano 4 o 5 configurazioni per le cabine, con una luminosa suite padronale sul ponte principale che include un balcone privato che si affaccia sul mare, oltre all’accesso privato alla piscina. Dalla Cor D. Rover dichiarano: “La nostra filosofia del design interno si basa sull’inseparabile collegamento tra interno ed esterno dello yacht. Niente porta la natura dentro i nostri modelli meglio di queste grandi finestre. La luce del giorno illumina gli unici, lussuosi e confortevoli interni e ti fa sentire a bordo di un superyacht”.

Il ponte principale ospita anche un ampio salone con un divano a forma di C sulla sinistra, di fronte ad un secondo divano per 3: l’intera area diventa quasi un tutt’uno con la cabina di pilotaggio e un tavolo per 8-10 persone. Il tavolo interno per 10 è posto al centro della nave, con la grande ed attrezzata cambusa sulla sinistra, con accesso diretto dalla cucina o dalla passerella esterna. Finestre di vetro scorrevoli a grandezza naturale su entrambi i lati assicurano molta aria fresca e la sensazione della brezza marina quando il superyacht è ancorato.

Il ponte inferiore comprende 4 cabine VIP, una al centro della nave completamente illuminata. Gli alloggi dell’equipaggio sono completamente separati dall’area degli ospiti e comprendono due cabine doppie, un bagno e l’accesso diretto alla sala macchine.