Arrivederci primavera, arriva il Solstizio d’Estate 2018: ecco la DATA e le INFO UTILI sul giorno più lungo dell’anno

  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
/
MeteoWeb

La primavera astronomica sta per concludersi, la bella stagione è alle porte: il Solstizio d’Estate 2018 cade infatti il 21 giugno alle 12:07 ora italiana (10:07 UTC).

E’ un evento di particolare importanza sin dall’antichità, che segna il giorno più lungo dell’anno per l’emisfero nord e quello più corto per l’emisfero australe (solstizio d’inverno). Una situazione che si inverte il 21 dicembre.

Il Solstizio ha qualcosa di magico, di unico. Infatti, la midsummer o “notte di mezza estate” è diventata il titolo e l’atmosfera perfetta per un’opera del grande drammaturgo e poeta anglosassone William Shakespeare.

E’ sicuramente uno dei periodi più amati e profondamente intessuti di leggende, miti, tradizioni e storia.

Il termine solstizio deriva dal latino sol (sole) e sistere (stare fermo), col significato di “sole stazionario”. In astronomia il solstizio è definito come “il momento in cui il Sole raggiunge, nel suo moto apparente lungo l’eclittica (cammino apparente che il sole traccia nel cielo durante l’anno), il punto di declinazione (la declinazione è analoga alla latitudine ma proiettata sulla sfera celeste anziché sulla superficie terrestre) massima o minima“.

SOLSTIZIOIl fenomeno è dovuto all’inclinazione dell’asse di rotazione terrestre rispetto all’eclittica. Nel giorno del solstizio d’estate che, nell’Emisfero Settentrionale cade quasi sempre il 21 giugno (ritardando di 5 ore, 48 minuti e 46 secondi ogni anno, salvo subire un nuovo riposizionamento indietro, al 20 giugno, ogni 4 anni, in conseguenza dell’introduzione degli anni bisestili, che evitano un progressivo disallineamento delle stagioni con il calendario), il Sole culmina allo Zenith, trovandosi così nel punto più alto della volta celeste.

Per ulteriori approfondimenti, suggeriamo: